cartoni online -  risorse su cartoni animati e fumetti
Cartoni animati e fumetti > Film di animazione > Film Disney > Film animazione 3D > Personaggi Disney -

Monsters University

Mike Wazosky - Monsters University
Mike Wazosky entra all'università - Monsters University
© Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Monsters University è il prequel di Monsters & Co, la pellicola che qualche anno fa ha conquistato un pubbico eterogeno composto da adulti e piccini, si propone di superare le cifre del primo episodio. Monster University è l'antefatto che spiega come i due simpatici amici, Mike e Sullivan, esperti spaventatori, diventano i professionisti che, con le loro gag hanno fatto ridere intere platee. In questo prequel, Mike e Sullivan si incontrano per la prima volta e diventano amici dopo le prime incomprensioni. Saranno loro due, infatti, i protagonisti indiscussi del movie 3D popolato da fantastiche creature dai colori sgargianti e dalle forme improbabili.

Il piccolo Mike Wazosky è un cucciolo un po' imbranato che non viene calcolato dai compagni di scuola, fin qui tutto normale, se non fosse che Mike è un cucciolo di mostro, una grossa palla verdognola con un unico occhio centrale che modula un'infinità di espressioni. Il piccolo Mike cresce col desiderio di farsi notare dagli altri e dimostrare quanto vale. Emblematico l'incontro, durante una gita scolastica, con un esperto spaventatore. Il mostro, per dimostrare ai piccoli allievi come si fa a spaventare i bambini, e dunque a riempire i grandi contenitori con l'energia delle loro grida, vitali per il mondo dei mostri, apre una porta che collega il mondo umano con il loro.

Monsters University
Monsters University
© Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Entrato direttamente nella camera del bambino, in silenzio si acquatta nel buio, gli balza sopra e il piccolo inerme lancia un acuto urlo per lo spavento. Mike, elusa la sicurezza, entra nella stanza del bambino e assiste alla scena. Da quel giorno il suo più grande desiderio sarebbe stato quello di diventare un mostro spaventatore professionista. Si iscrive così all'Università dei mostri. La prassi è quella tipica U.S.A., arrivo della lettera di ammissione, partenza per il campus, programmi di orientamento per matricole e condivisione della stanza con un altro studente, una sorta di ramarro che riesce a diventare completamente invisibile eccetto gli occhiali.

Infine arriva il momento di far parte di una confraternita e qui, per il povero Mike, ricominciano i problemi, nessun gruppo davvero cool, gli chiede di entrare. Deluso inizia le lezioni del corso di Spaventologia, ma anche qui  le cose non sono semplici. Essere un mostro spaventoso è difficile e la povera matricola sembra avere tante doti tranne quella. Chi invece, per natura, sembra essere avvantaggiato è il grosso mostro peloso blu a macchie rosa Bill Sullivan, per gli amici Sully che, facendo il suo ingresso alla lezione già cominciata, esordisce con un grosso, cavernoso, urlo da mostro spaventatore. Da quel momento i destini di Sully e Mike saranno legati per tutto lo svolgimento della pellicola.

Sully - Monsters University
Sully - Monsters University
© Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Viene fissata la data dell'esame di Spaventologia, chi non lo passerà dovrà abbandonare le lezioni e il sogno di diventare spaventatore. Il tremendo Rettore Tritamarmo, una specie di drago femmina dal lungo collo e dalle ali da pipistrello, spaventosa più di chiunque altro, sarà presente all'esame e giudicherà chi sarà idoneo e chi no. Mike si mette a studiare di buona lena, mentre il grosso Sullivan, forte anche della notorietà della sua famiglia, prende alla leggera la prova e inizia una vita da matricola fatta di divertimenti e sregolatezza. Apprezzato da tutti gli studenti è conteso dalle confraternite.

Intanto Mike viene a conoscenza di un importante competizione, lo Scared Game, il gioco dello Spavento in cui solo la squadre più abile potrà aggiudicarsi un ambito trofeo. Il mostro è intenzionato a vincere, ma c'è un grosso problema, per partecipare occorre far parte di una confraternita, solo gli Oozma Kappa, i cui elementi sono stravaganti e poco amati dal resto degli studenti lo invita a far parte del gruppo, ma Mike non ne è certo entusiasta. Arriva il fatidico giorno dell'esame. Bisogna rispondere alla parte teorica e superare la prova pratica dentro il simulatore di spavento al cui interno si trova un bambino robot che il candidato dovrà far urlare di paura.

Monsters University
Monsters University
© Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Durante l'esame accade però un incidente causato da Sullivan e Mike, il prezioso contenitore dov'è custodito l'urlo di paura più importante della carriera della Tritamarmo viene rovesciato e l'urlo si dissolve nell'aria. L'orrido Rettore trattiene l'ira, ma sia Sullivan che Mike non passano la prova, Sullivan perché non sufficientemente preparato, Mike perché proprio non fa nessuna paura, e quella -È un qualcosa che non si impara sui libri- sbotta la Tritamarmo. Sconfortati, entrambi lasciano il corso di Spaventologia e sono costretti a seguire le lezioni per diventare costruttori di contenitori di urla.

Mike è sempre più afflitto, fino a quando si ricorda dello Scared Game. Decide di partecipare per dimostrare che può fare paura e, scommettendo con l'orrido rettore che può farcela, si gioca il reinserimento nel corso di spaventologia e della permanenza nell'Università. Entra a far parte degli Oozma Kappa, ma poiché manca ancora un elemento e il suo compagno di stanza, vile e opportunista ha accettato l'invito dei Roor, la confraternita più trendy del campus, Mike accetta, come ultimo elemento, il compagno di sventura Sullivan, anche lui interessato a essere riammesso al corso. La posta in palio è infatti l'ammissione a Spaventologia di tutta la squadra.

Monsters University
Monsters University
© Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

I ragazzi si allenano duramente per superare le prove del gioco, e grazie alla tenacia di Mike e alle caratteristiche così peculiari di ogni componente, la squadra, nonostante i pronostici a sfavore, arriva in finale. L'ultima prova consiste nell'entrare nel simulatore e spaventare il bambino addormentato. Sullivan è sicuro che Mike non ce la farà, ma il mostro da il meglio di sé e il bambino urla così forte da raggiungere il massimo del punteggio. Il mostro è felicissimo e la squadra vince il game. Tutto sembra predisporsi per il classico finale felice, con la morale di chi l'ha dura la vince, ma non è così. Mike scopre che Sully ha truccato il simulatore facendolo vincere con l'inganno. Tutta la squadra è delusa dal comportamento del grosso mostro e rinuncia al premio. Sullivan supplica la Tritamarmo di non prendersela con gli altri ragazzi che vengono così perdonati, ma lui deve immediatamente lasciare l'Università.

Nel frattempo Mike vuole dimostrare a sé stesso e agli altri che è in grado di far paura, per cui, come da bambino, elude la sorveglianza dei laboratori ed entra nel mondo umano per spaventare una bambina. Il risultato è negativo. Il resto della storia verte sui buoni sentimenti dell'amicizia, della complicità di squadra e sull'importante insegnamento dell'accettazione dei propri limiti, ottimo messaggio anche per i più piccini. Il finale riserva un risvolto a sorpresa. Nel complesso la narrazione è scorrevole, la storia ben strutturata e i dialoghi divertenti. L'effetto 3 D rende le immagini decisamente vivide, grazie a una grafica molto ben sviluppata e di nuova concezione. Un film da vedere con la famiglia, fino all’ultima inaspettata gag prima dei titoli di coda, per passare un paio d'ore all'insegna del divertimento.

Locandina di Monsters University
Titolo originale: 
Monsters University
Nazione: 
USA
Anno: 
2013
Genere: 
Animazione 3d
Durata: 
104'
Regia: 
Dan Scanlon
Sito ufficiale: 
Produzione: 
Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures
Distribuzione: 
Walt Disney Studios, Motion Pictures Italia
Data di uscita: 
21 Agosto 2013

<<precedente

Tutti i nomi, le immagini e i marchi registrati sono copyright © Walt Disney Animation Studios, Walt Disney Pictures e degli aventi diritto e vengono qui utilizzati esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.