cartoni online -  risorse su cartoni animati e fumetti
 HOME   VIDEO  
 PERSONAGGI 
  FILM    IMMAGINI    TV   GIOCHI   DOWNLOAD   MERCATINO 
 A   B   C   D   E   F   G   H   I   J   K   L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   W   X   Y   Z 
 Anime Manga   Anni 80   Bambini   Cartoons   Disney   Fumetti   Sigle  Supereroi
Cartoni animati e fumetti > Personaggi cartoons > Giocattoli My Little Pony -

MY LITTLE PONY - VOLA MIO MINI PONY

My Litte PonyVola mio mini pony
My Little Pony ("Vola mio mini pony" nella traposizione italiana) è una serie tv animata per bambini, prodotta dalla SunBow Production e creata dagli sceneggiatori Michael Charles Hill e Carla Conway. Originariamente il progetto partì come parte di un programma (My Little Pony 'n friends), ma dopo il grande successo della linea di giocattoli Hasbro, si decise di separarla dal resto del gruppo e farne una serie autonoma. In Italia le produzioni sono state due, la prima dal 1986 al 1992 e la seconda, con soli 26 episodi, agli inizi degli anni novanta. Oggi Italia 1 (che già si occupò della precedente trasmissione televisiva) ha deciso di riproporre questo cartone a partire dal 29 agosto 2011. Si tratta di 52 episodi, per un totale di 2 stagioni, che andranno in onda da lunedì al giovedì alle 8.20 di mattina. Questo tipo di messa in onda spalmata su quattro giorni della settimana fa sì che le saghe fossero tagliate in modo da crearne quattro episodi, concludendo ogni avventura al giovedì di ogni settimana. Il doppiaggio èstato affidato alla Debeb Film, con la direzione di Paolo Torrisi. Per quanto riguarda la sigla, realizzata negli anni 80 (e ripresa anche per questa nuova programmazione) non poteva che essere cantata da Cristina D'Avena.

My Litte PonyLa storia
Ponyland, o come è tradotta nella versione italiana Ponilandia (chiamata anche Valle della Felicità) è una terra incantata, casa di numerose creature magiche, anche se non tutte pacifiche e amorevoli come i pony. Nella villa del paradiso i magici pony vivono in allegria e spensieratezza, trascorrendo le loro giornate tra giochi e musica. A rovinare questa pace però sono sempre pronte le streghe, i goblin, i trolls o altri mostri che purtroppo abitano la Valle della Felcità. Il loro intento è quello di eliminare tutti i pony, o perlomeno di renderli i loro schiavi personali. I magici protagonisti di questa serie non sono da soli a combattere questa minaccia. Accanto a loro infatti c'è la piccola bambina Megan, l'unica cui è concesso di entrare nel fatato mondo di Ponyland. Molto spesso Megan si lascia aiutare dal suo fratellino Danny e dalla sua sorellina Molly, che vivono in una fattoria al di là dell'arcobaleno. Oltre ai tre piccoli bambini gli altri protagonisti, soprattutto tra i pony, sono: Stella Magica, Gustavo, Dolcina, Fiocco, Ombretta, Gustavo, Tobia, Pallina, i Batuffoli, Dragoberto, Stella Polare e Schizzo. Tutti insieme si ritroveranno ad affrontare fantastiche avventure, come le streghe del Vulcano della Malinconia il cui piano era quello di eliminare la Pietra Solare. Questa è di vitale importanza per i pony e per l'intera valle, dal momento che da questa tutti loro traggono vita. A queste si aggiungono scimmie, creature marine, Porcellina (una maialina il cui intento è trasformare tutto il mondo in vetro), fiori che diventano mostri, cani malvagi, draghi e tanti altri.

I film di My little Pony
Oltre alla serie tv sono stati prodotti anche un lungometraggio e due mediometraggi. Il primo è uscito nelle sale l'anno in cui la serie è stata trasmessa per la prima volta in Italia, gli altri due invece nacquero prima della serie tv, ma messi in onda sulla tv italiana soltanto alla fine della seconda stagione. Dal momento che questi due mediometraggi erano ambientati in un tempo precedente alla serie animata, si decise di mostrarli come una sorta di prequel. La differenza rispetto alla versione che tutti i bambini conoscevano però era palese, infatti i vari personaggi mostravano caratteristiche fisiche alquanto differenti.

I giocattoli
Tutto il progetto "Mio mini pony" nasce da un'idea di mercato: la Hasbro infatti aveva prodotto questi piccoli pony colorati e glitterati, volti ad una fascia medio bassa di pubblico. Nel 1981 ne fu ufficializzata la commercializzazione, ed il boom di vendite che si registrò, superò ogni più rosea aspettativa da parte della casa produttrice. Per un certo periodo infatti i giocattoli "mio mini pony" riuscirono perfino a superare i numeri di vendita delle barbie, vero e proprio colosso dei giocattoli per bambini nel mondo. Il lancio della linea, con il nome di "Mio Piccolo Pony" avvenne nel 1982. Un anno dopo la linea di giocattoli fu distribuita dal DAG che, insieme alla stessa Hasbro, diede le redini in mano alla Co. Mark. P di Sapienza. Il nuovo lavoro di rivisitazione marketing portò alla creazione di un nuovo nome: "mio mini pony".

My Litte PonyVolgendo lo sguardo al passato possiamo ben analizzare lo sviluppo di questo fenomeno, suddiviso in ben tre generazioni di pony. La prima generazione era composta da 6 pony. Le caratteristiche fisiche di questi animali erano state ideate in modo da conferire loro un aspetto quanto più possibile umano. In questo modo i bambini (soprattutto bambine a dire il vero) avrebbero visto i "mio mini pony" non solo come degli animali, anzi tutt'altro, si sarebbero avvicinati a loro quasi come a dei supereroi a metà tra se stessi e un fantastico animale frutto della fantasia. Fisicamente il loro corpo risultava alquanto arrotondato, con degli occhi molto grandi, posti su di un viso che, come detto, richiamava palesemente quello umano. Ciò che però attirava maggiormente le giovani compratrici erano gli sgargianti colori che caratterizzavano ogni pony. Colori che oltre al corpo si espandevano anche a coda e criniera. Inoltre ogni animale si distingueva dall'altro soprattutto per un simbolo unico posto sull'animale. Compreso nella scatola del piccolo pony la Hasbro offriva anche un pettine, così da tenere sempre in ordine il pelo del proprio mini amico. Ben presto però, in seguito anche alla trasmissione televisiva, si scelse di mettere in vendita anche altri personaggi del cartone animato. Idea vincente date le statistiche di vendita, e così fecero la loro comparsa sugli scaffali dei negozi di tutt'Italia unicorni, cavallucci marini e pegasi.

Baby Pony
Accanto a questa linea, già arricchita dai nuovi venuti, fu sviluppata quella nuova dei Baby pony. In pratica si trattava degli stessi pony già conosciuti, solo che stavola le loro dimensioni erano davvero ridotte, corredati da numerosi accessori, spesso venduti a parte. Tutti i pony fecero parte di questa nuova linea, a partire dai primi venuti, i terrestri, fino ad arrivare a quelli dotati di ali (i pegasi). Questa produzione parallela durò per ben dieci anni ( dal 1982 al 1992) , non giungendo certo ai livelli della linea base, ma conferendo sempre più popolarità alla serie e garantendo ad ogni modo ottimi introiti, agevolati dalla vendita di ulteriori giocattoli correlati, in particolar modo i vari ambienti, come ad esempio la stalla.

La seconda serie
La seconda generazione di "mio mini pony" ha inizio nel 1997. In America il suo nome è "Friendship Garden Ponies" mentre in Europa è conosciuto come "Ponyland". Negli Stati Uniti la vendita è un vero flop e viene interrotta già a partire dal 1999, anche se la prima generazione aveva riportato risultati confortanti. In Europa invece a sorpresa la seconda generazione supera, in vendite e successo, la prima. Le nuove caratteristiche dei piccoli pony sono gambe più lunghe e snelle rispetto al passato, teste mobili (per dare la possibilità, se pur minima, di un'interazione tra bambino e giocattolo) e soprattutto occhi brillanti che, insieme con i colori sgargianti dei corpi di questi cavallini, attiravano il pubblico come fossero fatti di zucchero. Come detto i dati di vendita rimasero alti, anche se alla lunga risultarono altalentanti. Una ripresa però si verificò quando si decide di intervenire decisamente con una serie di merchandising che andasse oltre i semplici pupazzi. Così ci si ritrovò invasi da quaderni, profumi, videogiochi, riviste per teenager, magliette, cappelli e occhiali. Un vero e proprio mercato in espansione.

La terza serie
La terza e ultima generazione parte nel 2003, e sembra sia stato fatto un piccolo passo indietro nel disegno dei corpi. Infatti sembra si sia voluta richiamare l'immagine un po' più rotondeggiante dei primi anni 80, mantenendo comunque la caratteristica dei corpi glitterali e brillanti, aggiungendo inoltre una piccola calamita in uno dei quattro zoccoli del pony. Questo serviva ad attirare i vari accessori messi in vendita (separatamente) dalla Hasbro. Ben presto però quest'aggiunta fu eliminata dalle nuove produzioni, dal momento che si ebbero dei problemi di malfunzionamento, causati proprio dalle calamite, da parte delle apparecchiature elettroniche. Strategia di mercato importante fu quella dei punti da raccogliere all'interno di ogni scatola di "mio mini pony". Infatti una volta raccolti i punti necessari, era possibile ricevere dei pony esclusivi, non presenti sul mercato. Tattica questa che permise si riprendere delle più che buoni risultati anche negli Stati Uniti, dove la vendita era partita in contemporanea con l'Europa. Niente affatto paga la Co. Mark. P, sempre in collaborazione con la Hasbro, pubblica "Collection Pony", pubblicazione anch'essa venduta in America e Europa, anche se la versione del vecchio continente è di molto modificata rispetto all'originale a stelle e strisce. Dato il grande successo anche di quest'iniziativa è dato alla stampa anche un mensile dal titolo "Il giornale della felicità del Mio Mini Pony" (ebbe una tiratura di più di 100000 copie). Per accompagnare inoltre i bambini in ogni momento della giornata, non potevano mancare i diari per la scuola. Così fu messo in vendita "Diario della felicità del Mio Mini Pony".

La serie tv animata è molto semplice nella sua architettura, infatti data anche la breve durata di ogni puntata, il tutto ruota intorno a un potente nemico che mina la serenità di questa Arcadia equina, e ha una conclusione ovviamente felice e lieta per ogni personaggio, non dimenticando di disseminare nel corso dell'avventura buoni consigli e la giusta morale. Un più che discreto programma d'intrattenimento per bambini, ma al quale si lega la vendita di pupazzi e gadget, dal cui successo molto spesso dipende la durata della serie stessa.

MY LITTLE PONY, L’AMICIZIA E’ MAGICA – nuova serie
Dal 9 Gennaio, dal lunedí al venerdí alle 16.35, nel weekend alle 16.20 su Cartoonito

A Gennaio su Cartoonito: MY LITTLE PONY – L’AMICIZIA È MAGICA, la nuova serie dedicata al famoso giocattolo lanciato negli anni ‘80 e diventato un vero e proprio cult. La serie si compone di 26 episodi con una grafica semplice ma capace di dare espressione ai personaggi, mettendo in risalto tutte le loro sfaccettature. Ogni puntata è incentrata su uno dei vari aspetti dell’amicizia, spiegati di volta in volta attraverso i problemi quotidiani delle protagoniste. Una serie ricca di valori positivi che coinvolgerà non solo i baby telespettatori ma anche le loro mamme!

La serie è ambientata nel magico mondo di Equestria, un regno popolato da pony colorati che fanno sorgere il sole, piovere, crescere le piante e cadere le foglie dagli alberi in autunno. La protagonista è Twilight Sparkle, un pony di unicorno, allieva prediletta di Princess Celestia, la sovrana del regno. Vedendola sempre con il muso sui libri, la principessa incarica Twilight di studiare una nuova forma di magia, l’amicizia, e di metterla in pratica. Decide così di inviarla insieme all’assistente Spike, un giovane drago, a Ponyville. È proprio qui che il pony conoscerà altri esemplari, tra cui Rainbow Dash, il maschiaccio del gruppo, Rarity, amante della moda, Applejack, instancabile lavoratrice, Fluttershy, timida e con la passione per gli animali, e infine Pinkie Pie, la regina delle feste. Insieme, il gruppo vivrà diverse avventure all’interno della cittadina che daranno ai pony la possibilità di accrescere il loro rapporto di amicizia. Scopriranno addirittura che erano predestinate a incontrarsi ancora prima di conoscersi. Twilight avrà modo di imparare qualcosa di nuovo ogni giorno, pur accorgendosi che il legame che più conta è quello dell’amicizia.

MY LITTLE PONY: EQUESTRIA GIRLS


Dalla famosa serie My Little Pony: l’amicizia è magica, arriva in prima tv pay su Boomerang MY LITTLE PONY: EQUESTRIA GIRLS, il primo film dedicato ai piccoli pony di unicorno. I fan della serie vedranno per Twilight Sparkle, Rarity, Applejack e le altre, trasformate in… ragazze! Infatti le piccole amiche saranno catapultate nel mondo degli umani per recuperare una preziosa corona e salvare quindi il regno di Equestria, e nel frattempo vivranno un’inedita avventura piena di nuove, sorprendenti scoperte.

La piccola Twighlight Sparkle è in procinto di affrontare il suoi futuri doveri come Principessa di Equestria, quando, durante una cerimonia, da uno specchio magico appare Sunset Shimmer e le ruba la corona. Lo specchio porta nel mondo degli umani, e Twighlight deve oltrepassarlo per recuperare il prezioso copricapo,
fondamentale per mantenere l’armonia nel regno. Ma secondo gli ordini di Princess Celestia, la piccola pony dovrà affrontare questo viaggio accompagnata solo dal suo drago. Ed è così che Twighlight e Spike si ritrovano all’ingresso di una scuola, trasformati in una ragazza e nel suo cane. Qui, con grande sorpresa, Twighlight incontra le controparti umane di Rarity, Applejack, Rainbow e gli altri piccoli pony, ed è subito grande amicizia! Con il loro aiuto Twighlight fermerà Sunset Shimmer e riprenderà la corona, e nel frattempo imparerà a conoscere le abitudini degli umani, e scoprirà tante nuove cose sull’amicizia e sull’altruismo: dopo questa incredibile avventura, potrà tornare nel suo mondo di pony, finalmente pronta a diventare una principessa.

<< Precedente

Risorse su My little Pony
Giocattoli My little Pony

Tutti i nomi, immagini e marchi registrati di My Little Pony sono copyright © Hasbro, Co. Mark. , SunBow Production e vengono qui utilizzati a scopi conoscitivi e divulgativi.