cartonionline.com - cartoni animati
Cartoni animati e fumetti > Anime Manga > Cartoni per bambini > Shojo > World Masterpiece Theater -
Heidi

Heidi

Heidi

Titolo originale: Arupusu no shojo Haiji
Personaggi:
Heidi, Peter, Nonno, Clara Seseman, Nonna di Peter, Signora Rottenmeier, Brigida, Sebastiano, Tinette, Giovanni, Signor Seseman, Signora Seseman, Dottor Classen, Zia Dete
Autore: Johanna Spyri
Produzione: Zuiyo Eizo
Regia: Isao Takahata
Nazione: Giappone
Anno: 6 gennaio 1974
Trasmesso in italia: 7 febbraio 1978
Genere: Commedia
Episodi: 52
Durata: 24 minuti
Età consigliata: Ragazzi dai 6 ai 12 anni

HeidiHeidi ("Alps no Shojo Heidi" nell'originale giapponese) è una serie a cartoni animati che venne trasmessa su RAIUNO nel 1978 e visto il suo enorme successo, praticamente diede il via alla grande ondata di cartoni animati giapponesi che vennero trasmessi nel nostro Paese, negli anni successivi. E' in assoluto il primo Shojo trasmesso in Italia, cioè quei cartoni animati giapponesi destinati alle bambine e ragazzine, dopo Heidi arrivarono Candy Candy, Remì , l'ape Magà e tanti altri. Heidi rappresentò un vero e proprio fenomeno per quegli anni, merito della qualità delle animazioni, dei paesaggi, degli sfondi, ma soprattutto della stessa Heidi dalla quale trasparivano buoni sentimenti e positività: candore, tenerezza, amicizia, libertà, amore per la natura, genuinità, ecc... tanto che ancora oggi viene presa come un punto di riferimento come emblema di chi vive una vita sana a contatto con la natura in mezzo ai monti. Non a caso Heidi veniva rappresentata come una bambina dalle guance rosse che sembrava il ritratto della salute. A rendere ancor più famoso questo personaggio è stata la famosissima sigla cantata da Elisabetta Viviani che a sorpresa balzò nella Top 10 dei 45 giri più venduti in Italia. Il cartone animato fu realizzato dalla Taurus Film e dalla Toei animation a partire dal 1974 e fra il cast degli animatori troviamo anche nomi di spicco come il grandissimo Hayao Miyazaki (vedi Conan il ragazzo del futuro, Lupin III, La città incantata ) e Isao Takata (vedi Anna dai capelli rossi e Una tomba per le lucciole).

 

Video Come disegnare Heidi


Il cartone animato di Heidi, tratto dal romanzo della scrittrice svizzera Johanna Spyri è stato suddiviso in ben 52 episodi. Heidi e zia DateE' una bambina svizzera del paesino di Mayenfeld, che è rimasta orfana sia del padre che della madre, per questo sua zia Dete, dopo che la piccola visse insieme a lei sino all'età di cinque anni, decise di darla in affidamento al nonno che abitava solitario in una baita di montagna. Zia Date non poteva più occuparsi di Heidi in quanto aveva trovato un lavoro a Francoforte e il nonno rappresentava il parente stretto che avesse la piccola orfanella. Durante il cammino che la porterà alla baita del nonno, Heidi conosce il pastorello Peter e fa amicizia con le sue caprette, insieme si sfideranno in una gara di velocità fra i verdi prati. Arrivati alla baita Heidi è inizialmente sorpresa e incuriosita dell'atteggiamento del nonno, molto taciturno e scontroso, un uomo che ha scelto di vivere lontano dalla gente e che adesso si trovava ad avere la responsabilità di quella bambina. Ma ben presto il nonno si affezionò a sua nipote Heidi, merito della sua simpatia ed innocenza e un po'alla volta le fece conoscere il fascino della vita di montagna fatta di arrampicate sui monti, di corse sui prati, di formaggio saporito, di mungitura delle capre, di amicizia con gli animali del bosco ecc... Il nonno di Heidi possedeva anche un enorme San Bernardo taciturno quanto il padrone, che si chiamava Nebbia del quale Heidi aveva inizialmente un certo timore. Heidi passava anche delle bellissime nottate dormendo in soffitta, nel suo comodissimo letto di paglia e dalla finestrella della baita, poteva osservare anche un magnifico cielo stellato.Heidi e Peter La vita di montagna restituì a Heidi quella felicità che le era stata negata in tenera età e anche se il nonno non potésostituire l'affetto di un padre e una madre, Heidi da bambina infelice quale era, divenne ben presto una bambina piena di voglia di vivere e giocosità. Heidi e Peter divennero amici inseparabili che si divertivano con tutti i regali che la natura gli offriva, come la neve, la primavera, le corse sui prati ecc... Ma a rovinare questa vita idilliaca ci pensa la zia Dete, che la porta via dal nonno e la manda a studiare a Francoforte per fare la dama di compagnia a Clara, una ricca e invalida bambina che vive insieme al papÓ e a una severissima istitutrice: la signora Rottenmeier. Nonostante Heidi fece amicizia con Clara, con il passare dei giorni divenne sempre più triste, perchè si sentiva chiusa in una gabbia, aveva una grande nostalgia per il nonno, Peter, le caprette, la baita e la motagna.

Heidi e PeterInoltre l'arcigna severità della signora Rottenmeier, che la vedeva come una piccola selvaggia, la faceva sentire umiliata e confusa. Heidi però trasmette entusiasmo e voglia di vivere a Clara, che rimane affascinata dai suoi racconti e dalle descrizioni della vita alla baita. Una scena che sintetizza il tema del racconto è quella in cui Heidi, molto ingenuamente, apre la gabbia all'uccellino di Clara e lo fa volare libero. Quel gesto contribuisce a trasmettere a Clara una grande voglia di vivere e anche di reagire alla sua malattia per conoscere il mondo. Heidi e ClaraIntanto la signora Rottenmeier sopporta sempre meno Heidi e la goccia che fa traboccare il vaso è quando scopre che Heidi si aggira la notte per la casa perché soffre di sonnambulismo. Il padre di Clara capisce che luogo adatto per Heidi sono i monti, pertanto la fa ritornare dal nonno. Tuttavia l'amicizia con Clara non finisce li e le due bambine continuano a scriversi. Clara si sente molto triste a causa della partenza di Heidi, pertanto l'estate stessa decide di andarla a trovare alla baita. Grazie all'aria di montagna, alla vita spensierata e all'amicizia di Heidi e Peter, Clara reagisce positivamente alla sua malattia e un giorno, terrorizzata da una mucca che si dirigeva verso di lei, si alzò in piedi da sola, vincendo quindi la sua paralisi. Quando il padre e la signora Rottenmeier la raggiunsero rimasero sbalorditi per i progressi compiuti dalla bambina.

Episodi di HeidiHeidi

  1. L'arrivo sulle Alpi
    Nel 1880, in Svizzera, la piccola Heidi, orfana di cinque anni, viene lasciata dal suo unico familiare rimasto, la zia Dete, presso il nonno paterno nelle alte montagne. L'uomo, un veterano solitario e burbero, vive isolato in una baita. Durante la salita, Heidi fa amicizia con Peter, un giovane pastore, e nonostante l'iniziale freddezza del nonno, viene accolta nella sua casa.
  2. La vita con il nonno
    Nonostante la riservatezza del nonno, Heidi si adatta rapidamente alla vita di montagna. Tra le passeggiate e le scoperte, fa amicizia con Nebbia, un imponente San Bernardo. La curiosità di Heidi e l'amore condiviso per la natura li avvicinano gradualmente.
  3. Avventure al pascolo
    Heidi e Peter trascorrono giornate indimenticabili nei pascoli. Heidi scopre la fauna locale, vivendo momenti di pericolo ma anche di stupore, come il fascino del tramonto sui monti che le regala un senso di meraviglia.
  4. Nuovi incontri
    Durante un temporale estivo, Heidi e Peter trovano un uccellino ferito. Dopo averlo salvato, Heidi lo chiama Cip, suscitando la gelosia di Peter. Tuttavia, un atto eroico del cane Nebbia dimostra a Heidi che dietro l'aspetto intimidatorio si nasconde un cuore gentile.
  5. La lettera nascosta
    Una lettera indirizzata al nonno si perde per colpa della gelosia di Peter verso Cip. La lettera, proveniente da Dete, chiede che Heidi la raggiunga a Francoforte, ma il nonno, ormai affezionato alla nipote, decide di bruciarla per mantenere Heidi con sé.
  6. Heidi diventa pastorella
    Nonostante le iniziali difficoltà, Heidi impara a mungere le capre e a fischiare. La sua determinazione e l'aiuto di Peter la trasformano in una pastorella provetta, rendendo fiero il nonno.
  7. Sotto l'abete
    L'autunno porta il vento e nuove lezioni per Heidi, che impara a fare il formaggio. Un piccolo incidente con il latte bruciato insegna a Heidi e al nonno l'importanza della pazienza e dell'aiuto reciproco.
  8. La partenza di Cip
    Quando Cip si unisce a uno stormo e vola via, Heidi è disperata. Ma il giorno seguente, grazie a una lezione appresa, decide di accettare il distacco e riconciliarsi con Peter.
  9. L'inverno arriva
    Con l'arrivo dell'inverno, Heidi è costretta a rimanere all'interno, sentendo la mancanza di Peter e delle capre. Un breve incontro con Peter la rallegra, aprendo la possibilità di una nuova amicizia con la nonna di Peter.
  10. La visita alla nonna di Peter
    Dopo giorni di tempesta, una giornata serena permette a Heidi di visitare la nonna di Peter. Scopre che la donna è cieca e vive in condizioni precarie. Toccato dalla situazione, il nonno accetta di aiutare a riparare la casa, mostrando quanto Heidi abbia influenzato positivamente la sua vita.
  11. Guida ai cacciatori
    Durante una tormentosa giornata di neve, due cacciatori, Emerald e George, arrivano con l'intenzione di cacciare un cerbiatto. Heidi, con un coraggio incredibile, si para davanti all'animale e impedisce loro di sparare. Nonostante l'avviso del nonno su una imminente tempesta, i cacciatori ignorano il consiglio e si perdono nella neve. Con l'insistenza di Heidi, il nonno li salva, mostrando il suo lato eroico e compassionevole.
  12. Una corsa sfrenata
    Con l'arrivo della primavera, Heidi e Peter si avventurano in slitta per portare i bucaneve alla nonna di Peter. Lungo il tragitto, una sfida con alcuni ragazzi del villaggio porta a una pericolosa corsa, conclusasi con una slavina che rischia di travolgerli. Fortunatamente, i due amici riescono a mettersi in salvo, ma la slitta viene perduta.
  13. Primavera sull'altopiano
    Heidi e Peter tornano ai pascoli con l'arrivo della primavera. Durante una festa improvvisata con ghirlande, un temporale interrompe la gioia. Un agnellino perso li porta ad un confronto con un pastore irato, ma il tempestivo intervento di Nebbia salva la situazione, dimostrando ancora una volta la lealtà del fedele cane.
  14. Operazione "Fiocco di neve"
    Peter scopre che la sua amata capretta, Fiocco di neve, sta per essere venduta. Heidi, disperata, convince il nonno a cercare delle erbe speciali per migliorare la salute della capretta. Una pericolosa scalata mette a rischio Heidi e Peter, ma grazie al coraggioso intervento di Nebbia, tutti sono salvi.
  15. Vittoria sudata
    Nonostante gli sforzi, il destino di Fiocco di neve sembra segnato fino a quando Heidi, in un ultimo disperato tentativo, nasconde la capretta nella stalla. Il mattino successivo, il padrone rimane impressionato dal miglioramento di Fiocco di neve e decide di non venderla, grazie alle cure speciali di Heidi e Peter.
  16. Nubi all'orizzonte
    Il ritorno dell'inverno porta nuove sfide. Mentre Heidi e Peter giocano con i bambini del villaggio, una lettera dal maestro solleva la questione dell'istruzione di Heidi. La comunità locale comincia a preoccuparsi per la sua educazione, ma il nonno è deciso a non mandarla a scuola, credendo che la natura le insegni di più.
  17. Arrivano visite
    La tranquillità della baita è interrotta dall'arrivo del parroco, che tenta di convincere il nonno dell'importanza dell'educazione scolastica per Heidi. Nonostante la pressione sociale, il nonno rimane fermo nella sua decisione, ma una visita inaspettata da parte della zia Dete cambia tutto.
  18. Un saluto frettoloso
    Dete ritorna con l'intenzione di portare Heidi a Francoforte per farle compagnia a Clara Seseman, una bambina paralitica. Il nonno è diviso tra l'affetto per la nipote e la minaccia di un possibile intervento legale. Alla fine, Dete convince Heidi con l'inganno che potrà tornare presto, lasciando il nonno e Peter nel dolore della sua partenza.
  19. La grande città
    Arrivata a Francoforte, Heidi è sopraffatta e intimidita. Viene accolta freddamente dalla governante, la signora Rottenmeier, che disapprova immediatamente l'ingenuità e la spontaneità di Heidi. L'incontro con Clara, tuttavia, apre a Heidi un nuovo capitolo di empatia e amicizia.
  20. Una compagnia gradita
    Nonostante le difficoltà iniziali, Heidi decide di restare a Francoforte per aiutare Clara. La sua decisione è mossa dalla compassione per la nuova amica, sperando di portare un po' della gioia e della libertà delle montagne nella vita limitata di Clara.
  21. Con i topi in cantina
    Durante una lezione, Heidi, sopraffatta dalla nostalgia delle montagne, si addormenta e sogna liberamente. Al suo risveglio, provoca accidentalmente un disastro d'inchiostro. Più tardi, con Clara impegnata nel riposino pomeridiano, Heidi decide di liberare l'uccellino di Clara dalla gabbia, ma viene punita dalla signora Rottenmeier che la chiude in cantina. Là, i topolini giocano sulla sua gonna, terrorizzando la cameriera Tinette. Dopo l'intervento, Heidi promette a Clara che un giorno la porterà in montagna per mostrarle la vera libertà degli animali.
  22. Nostalgia per la montagna
    Sentendo il bisogno di vedere le sue montagne, Heidi segue il consiglio di Sebastiano di salire sul campanile della città. Accompagnata da un fisarmonicista, Heidi sale la torre, ma rimane delusa quando non riesce a vedere le montagne. Tuttavia, la giornata si illumina quando trova una cesta piena di gattini mentre scende dal campanile.
  23. Musica stonata
    Heidi porta a casa un gattino bianco, scatenando il panico in Rottenmeier. Lei e Clara riescono a convincere Sebastiano a nascondere il gatto nella soffitta. Il giorno dopo, il fisarmonicista ritorna per essere pagato e offre uno spettacolo improvvisato che, sebbene infastidisca Rottenmeier, delizia le bambine. Più tardi, il caos esplode quando una cesta di gattini viene scoperta, creando una scena di puro divertimento per Clara.
  24. Breve fuga
    Dopo essere state scoperte a giocare con il gatto, Heidi decide di fuggire da casa Seseman. Trova il fisarmonicista, ma viene intercettata da Rottenmeier. Sebastiano le rivela che il gatto è al sicuro e Heidi si rassegna a rimanere a Francoforte, accettando la situazione.
  25. Tanti panini bianchi
    Rottenmeier scopre che Heidi ha nascosto panini nel suo armadio per portarli alla nonna di Peter. La lezione viene interrotta dalla preparazione per il ritorno del signor Seseman. Clara consola Heidi con una favola, mostrando la solidarietà e comprensione tra le due bambine.
  26. L'arrivo della nonna
    Il signor Seseman torna a casa e ascolta le lamentele di Rottenmeier su Heidi. Tuttavia, Clara difende Heidi e il signor Seseman decide di tenere Heidi con loro. Una visita inaspettata del dottor Classen, incontrato da Heidi alla fontana, conferma la decisione del signor Seseman di tenere Heidi.
  27. La pelle d'orso
    La nonna di Clara arriva, e, contrariamente alle aspettative di Heidi, si rivela essere una persona affettuosa e giocosa, vestendosi con una pelle d'orso per sorprendere le bambine. L'approccio giocoso della nonna conquista immediatamente Heidi.
  28. Gita in campagna
    La nonna organizza una gita in campagna per far vivere a Clara un'esperienza fuori dalla città. La gita si rivela liberatoria per Heidi, che può correre e giocare liberamente. Clara, tuttavia, prova la vita all'aperto per la prima volta, sebbene con qualche difficoltà.
  29. Pomeriggio nel bosco
    Durante la gita, Heidi si distrae giocando con altri bambini, lasciando Clara da sola. Questo causa un breve momento di tensione, ma alla fine del giorno, le avventure condivise rafforzano la loro amicizia e Clara prova nuove esperienze, come la mungitura delle capre.
  30. Un raggio di sole
    Mentre Clara si riprende da un lieve malessere post-gita, Heidi e la nonna la intrattengono con spettacoli di burattini. Poi, su suggerimento del dottor Classen, Heidi organizza un altro breve viaggio al bosco per raccogliere fiori e farfalle, che portano allegria e salute a Clara. La nonna, rassicurata dalla crescente indipendenza delle bambine, pianifica di lasciare la casa Seseman, consapevole del legame forte che si è creato tra Heidi e Clara.
  31. Un saluto dalla carrozza
    Mentre si divertono in una simulazione di matrimonio ideata dalla nonna, Heidi e Clara apprendono che la loro amata nonna è in procinto di partire. Nonostante i tentativi di Heidi di fermarla, la nonna parte, lasciando dietro di sé una traccia di malinconia che avvolge la casa Seseman, riportandola alla monotonia di prima.
  32. La tempesta
    Dopo la partenza della nonna, la signora Rottenmeier cerca di far tornare Heidi e Clara alla routine di sempre, ma l'assenza della nonna ha lasciato un vuoto in Heidi che inizia a manifestare segni di malessere. Una notte, un urlo nella casa suggerisce la presenza di un fantasma, scatenando il panico.
  33. In casa col fantasma
    Clara, spaventata dal fantasma, chiede un telegramma per il padre. Il signor Seseman torna e scopre che il fantasma è Heidi, che vagava sonnambula per la casa. Il dottor Classen interviene e avverte che Heidi deve tornare in montagna per il bene della sua salute, spingendo Seseman a prendere una decisione difficile ma necessaria.
  34. Ritorno alla baita
    Accompagnata da Sebastiano, Heidi lascia Francoforte per ritornare alle sue amate montagne. Dopo un viaggio emozionante, arriva finalmente a casa del nonno, dove ritrova la tranquillità perduta e la gioia di riabbracciare la sua famiglia e gli amici animali.
  35. Ancora insieme
    Tornata a casa, Heidi scopre quanto è cresciuta e quanto le cose siano cambiate, ma la felicità di essere di nuovo a casa sovrasta ogni altra cosa. Passa la giornata tra gioia e lacrime, felice di essere finalmente tornata dove appartiene.
  36. Il nonno fa acquisti
    Con il ritorno alle montagne, Heidi riabbraccia la vita all'aria aperta. Il nonno, contento di vedere la nipote così felice, decide di regalarle un nuovo vestito che si adatti alla sua crescita. Un incidente con una capretta ribelle li porta alla scoperta di un nuovo laghetto incantevole.
  37. La capretta
    Heidi e il nonno affrontano la questione della scuola e della necessità di trasferirsi in paese per l'inverno. Heidi riesce a convincere il nonno a non vendere Bella, la capretta, optando invece per ristrutturare la vecchia casa per renderla abitabile durante i mesi freddi.
  38. Inverno in paese
    Heidi e il nonno si trasferiscono nella casa ristrutturata del villaggio. Heidi esplora con curiosità la nuova abitazione e convince Peter a frequentare la scuola con lei, nonostante le sue resistenze e le difficoltà causate da un incarico inaspettato che lo porta lontano dalla classe.
  39. Gara combattuta
    Heidi incoraggia Peter a costruire una nuova slitta e partecipare a una gara locale, svelando le sue abilità nascoste di falegname. Con l'aiuto del nonno, Peter costruisce una slitta che gli permette di vincere la gara, guadagnando rispetto e ammirazione dai suoi coetanei.
  40. Arriva il dottore
    Mentre Heidi e il nonno pianificano il ritorno alla baita con l'arrivo della primavera, Clara, a Francoforte, convince la signora Rottenmeier a permetterle di visitare Heidi. Il dottor Classen viene inviato in avanscoperta per assicurarsi che le montagne siano un luogo adatto per Clara, portando speranza e anticipazione per un possibile ricongiungimento.
  41. Una battaglia vinta
    Nonostante la delusione iniziale per l'arrivo solo del dottore e non di Clara, Heidi usa l'occasione per convincere il medico dell'efficacia curativa delle montagne. Dopo aver mostrato al dottore la bellezza del paesaggio, Heidi riesce a persuaderlo che l'aria di montagna e la libertà potrebbero aiutare Clara a migliorare la sua salute. Alla sera, durante una visita alla nonna di Peter, il dottore esprime preoccupazioni sulla sicurezza di Clara in montagna, ma rimane colpito dallo spirito vivace degli abitanti locali.
  42. La visita di Clara
    Finalmente, Clara annuncia il suo arrivo. L'emozione di Heidi è palpabile, anche se la presenza della signora Rottenmeier getta una leggera ombra sul suo entusiasmo. Quando Clara arriva, l'accoglienza calorosa di Heidi e del nonno fa da contrasto con l'apprensione di Rottenmeier, che teme l'adattamento di Clara alla vita di montagna.
  43. Una giornata importante
    La prima giornata intera di Clara in montagna si rivela un trionfo. Trasportata su una portantina, Clara vive momenti di gioia pura immersa nella natura che Heidi le aveva tanto descritto. La giornata si conclude con una vittoria personale: Clara convince la signora Rottenmeier a permetterle di passare la notte nella baita, un piccolo ma significativo passo verso l'indipendenza.
  44. Alla scoperta degli insetti
    Clara si sveglia all'alba e vive la sua prima alba in montagna. Durante il giorno, esplora il mondo degli insetti e sperimenta una libertà mai provata prima. L'intervento di Peter per facilitare la camminata di Rottenmeier si rivela un momento di umorismo e tensione, culminando in una giornata di semplici piaceri per Clara e frustrazioni per la signora Rottenmeier.
  45. Un prato tutto fiori
    Heidi e Peter organizzano una giornata speciale per Clara sui pascoli. L'assenza della signora Rottenmeier permette ai ragazzi di godersi liberamente la natura. Clara, trasportata da Peter, vive un'esperienza indimenticabile, e la signora Rottenmeier, una volta a conoscenza, non può fare altro che accettare il fatto che il dottore aveva ragione nell'inviare Clara in montagna.
  46. Una sedia per Clara
    Peter, sentendosi in colpa per lo sforzo fisico del giorno precedente, costruisce una portantina più comoda per trasportare Clara. Nonostante le resistenze iniziali della signora Rottenmeier, il nonno approva l'ingegnosa soluzione di Peter, permettendo a Clara di continuare a esplorare le montagne. Nel frattempo, una pioggia improvvisa costringe tutti a trovare riparo, e il ritorno del sole regala loro la vista di un magnifico arcobaleno, simbolo di speranza e rinnovamento.
  47. Il saluto della governante
    La signora Rottenmeier, preoccupata dal rilassamento di Clara che trascorre le giornate senza studiare, scrive al signor Seseman chiedendo il suo intervento. Tuttavia, è la nonna di Clara che arriva, creando tensione tra lei e la governante. La nonna è colpita dal miglioramento di Clara, che ora si muove senza la sedia a rotelle. Convinta dalla testimonianza del dottore e del nonno, decide che Clara resterà in montagna per continuare il suo recupero e manda via la signora Rottenmeier, ritenendola un ostacolo alla guarigione. Al tramonto, la signora Rottenmeier lascia con lacrime di commozione, mostrando un lato umano inaspettato.
  48. Una dolce promessa
    Dopo la partenza della signora Rottenmeier, la nonna saluta anche lei, tornando alla baita con una promessa di sorprese future per le bambine. Durante una lettura, Clara ha una reazione istintiva per evitare una mucca e si alza in piedi brevemente, lasciando la nonna stupita e fiduciosa nelle capacità di recupero della nipote.
  49. Al lago dei camosci
    La nonna, credendo che l'assenza possa stimolare Clara, decide di andare in una stazione termale. Prima di partire, organizza una festa nella casa del nonno in paese, dove invita anche i compagni di scuola di Heidi. La festa è un successo e Clara, ispirata dai suoi coetanei, sente il desiderio di imparare a camminare. Promette alla nonna di impegnarsi per raggiungere questo obiettivo.
  50. La pazienza del nonno
    Clara inizia gli esercizi per camminare, alternando momenti di entusiasmo a fasi di scoraggiamento. Con la pazienza e il sostegno del nonno, riesce a trovare la forza per perseverare e infine si regge in piedi da sola per qualche istante, un grande passo verso la guarigione.
  51. I primi passi
    Clara continua a esercitarsi, ma un giorno, nel tentativo di recuperare la sedia a rotelle, la fa cadere e rompere. Questo incidente la costringe a riconoscere che non può più fare affidamento sulla sedia e deve affrontare il suo percorso di recupero con determinazione, senza più reti di sicurezza.
  52. Care montagne
    Ora che Clara può camminare, Heidi e lei decidono di sorprendere la nonna senza rivelare tutti i progressi fatti. La nonna e il signor Seseman arrivano in montagna e sono testimoni del cammino autonomo di Clara, un momento di grande emozione per tutti. Con l'arrivo dell'autunno, Clara deve fare ritorno a Francoforte, ma c'è la promessa che tornerà in montagna la primavera seguente per correre e saltare con Heidi.


Heidi 3D
La sigla di Heidi - il testo della canzone e gli accordi per chitarra
Immagini di Heidi
Disegni di Heidi da colorare
Album e figurine di Heidi
DVD di Heidi
Giocattoli di Heidi
Libri di Heidi
Dischi di Heidi
  Gioielli e orologi di Heidi

Tutti i nomi, immagini e marchi registrati sono copyright ę Taurus/Toei e degli aventi diritto e vengono qui utilizzati a scopi conoscitivi e divulgativi.

 

ingleseAraboCinese semplificato)croatodaneseolandesefinlandesefranceseTedescogrecohindiitalianogiapponesecoreanonorvegesepolaccoportogheserumenorussospagnolosvedesefilippinaebraicoindonesianoslovaccoucrainovietnamitaungheresetailandeseTurcopersiano