Annecy: Netflix alza il coperchio sul melting pot di "We The People"

Annecy: Netflix alza il coperchio sul melting pot di "We The People"


Gli amanti dell'animazione di tutto il mondo che hanno partecipato allo stimato Festival di Annecy in Francia questa mattina hanno avuto uno sguardo dall'interno su un progetto molto americano, mentre Netflix ha presentato un focus dello studio su Noi, il popolo — un tema civico 10 x 3 min. serie di video musicali animati dei produttori esecutivi Chris Nee (Doc McStuffins), Barack e Michelle Obama, Kenya Barris, Tonia Davis e Priya Swaminathan. Abbinando diversi direttori di animazione che lavorano in 10 diversi stili di animazione con canzoni originali, l'antologia debutterà in modo appropriato il 4 luglio.

Il panel, moderato da Heather Tilert, ha presentato Chris Nee e quattro dei registi dei progetti (che, sottolinea il produttore, sono stati scelti per essere rappresentativamente diversi e includere sia i migliori talenti che gli emergenti) mentre discutevano dei loro obiettivi, ispirazioni e processi. Lo streamer ha anche debuttato con nuove immagini fisse programmate per il lancio della sessione virtuale dagli episodi dei registi in primo piano.

"Come molte persone, sono stato angosciato nel vedere il nostro paese perdere il senso di quale fosse l'idea comune di cosa fosse essere un americano, e mi sentivo come se avessimo perso il linguaggio comune dell'educazione civica – che è un linguaggio apartitico che ci dice come questo paese è messo insieme e anche come puoi essere coinvolto", ha spiegato Nee. Il pluripremiato produttore ha anche notato che l'ex presidente Barack Obama era molto coinvolto nel progetto: "È stato lui a dire: 'Andiamo avanti, diamo un'occhiata a coinvolgere effettivamente la generazione che è nel momento di guardarsi intorno e andare avanti. cosa diavolo ci stai passando, e cosa ho intenzione di fare al riguardo?'“‘

Noi, il popolo – Episodio 2 (Trisha Gum)

Prendendo ispirazione dalla sua canzone assegnata, Peter Ramsey (Spider-Man: Into the Spider-Verse) ha affinato la mentalità della sua eroina: "Una persona al mondo, vedi tutte queste cose intorno a te, è travolgente e non pensi di poter fare molto da solo – ma qualcuno deve accendere la piccola scintilla e ottenere quello primo accenno di ispirazione in corso.” Lavorando con lo studio BUCK, Ramsey ha tratto ispirazione tra cui l'illustratore francese Moebius e i Beatles Sottomarino giallo per il pezzo 2D. “Ci siamo semplicemente presi per mano e abbiamo pensato, quanto pazzi possiamo ottenere il colore che va alla fine? Quanto grande cambiamento possiamo fare dall'inizio alla fine per martellare davvero questa casa?"

Trisha Gum (The LEGO Movie 2: La seconda parte) ha incanalato il suo background di animazione ritagliata nel suo cortometraggio a tema sulla Carta dei diritti. "Il Bill of Rights è un documento, è carta, è vecchio .. stavamo parlando di farlo sentire davvero rilevante per le persone ora", ha ricordato Gum pensando dopo aver ascoltato la sua canzone assegnata. “Sono stato davvero ispirato dalla carta reale e fisica e volevo che prendesse vita e si trasformasse. Questa era un po' l'idea alla base, e l'ispirazione è proprio come, come fa quella carta a trasformarsi in qualcosa di vivo e che influenza me, e riguarda tutti noi?"

We The People - Episodio 7 (Jorge R. Gutiérrez)

Noi, il popolo – Episodio 7 (Jorge R. Gutiérrez)

“La pandemia è stata di grande ispirazione per il pezzo. Lavorare con persone di tutto il mondo e vedere una piccola finestra dei loro paesi [over video call]" Jorge R. Gutiérrez (Il libro della vita) rivelato. Il suo episodio si concentra sui contributi che gli immigrati danno allo "stufato culturale" dell'America. Gutiérrez e sua moglie/collaboratrice Sandra Equihua hanno disegnato una serie di personaggi danzanti che rappresentano diversi paesi in segmenti che rendono omaggi altamente ricercati al loro sapore culturale (tra cui Amelie per la Francia). Il regista ha lavorato con Cincia. “Abbiamo cercato di ottenere artisti da tutto il mondo. Abbiamo anche cercato di ottenere immigrati come noi… "Ehi, questo ragazzo è greco-americano di prima generazione, animerà il momento greco".

Lavorando da una canzone di Brandi Carlile, Mabel Sì (Kid Cosmic) si è sintonizzato sulla sua timoneria del video musicale. "Il modo in cui creo video musicali, è così spontaneo ed è onestamente – è così personale, è imbarazzante, ma non ho più vergogna", ha confessato Ye. "Volevo conservare quel tipo di emozione spontanea e pura che ho provato quando ho ascoltato la canzone". Il regista e il produttore del cortometraggio di Titmouse hanno scelto di mantenere una piccola troupe di "produzione indie totale" di probabilmente meno di 10 per il concetto 2D low-fi. "Mi limiterei a guardare il lavoro di tutti e dire, 'Questo è incredibile, facciamolo!'… Penso sempre che il primo tipo di iterazione sia quello più, immagino, l'espressione, di quell'emozione che vuoi ritrarre".

Il Noi, il popolo studio focus è disponibile per lo streaming per i partecipanti registrati ad Annecy.

We The People - Episodio 5 (Mabel Ye)

Noi, il popolo – Episodio 5 (Mabel Ye)



Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net