La Gallina Turuleca si candida per il Goya Awards che si terrà in Spagna

La Gallina Turuleca si candida per il Goya Awards che si terrà in Spagna

 Lunedì 17 gennaio sono state annunciate le candidature per la 35a edizione dei Goya Awards, dall’Academia de las Artes y las Ciencias Cinematográficas de España , in onore del miglior cinema spagnolo. Insolitamente quest’anno, solo un film animato è in competizione nella categoria: La Gallina Turuleca (Turu, la gallina stravagante) – che ha avuto costantemente tre o quattro contendenti negli ultimi due decenni, ad eccezione di una competizione per due titoli nel 2005.

Quest’anno l’Accademia ha modificato i requisiti di ammissibilità, per accogliere film che non potevano essere distribuiti nelle sale a causa della pandemia COVID-19.

Diretto da Victor Monigote e Eduardo Gondell, La Gallina Turuleca (Turu, the Wacky Hen) è un film per famiglie in CG spagnolo-argentino, ispirato al popolare personaggio. Anche se Turu è uno zimbello tra i suoi compagni di pollame perché non può deporre le uova, ha una capacità unica di capire gli esseri umani e una bella voce che canta. Quando la sua amata amica umana subisce un incidente e viene portata all’ospedale di Big City, Turu intraprende una grande avventura per trovarla: diventare una star, innamorarsi e affrontare un cattivo malvagio lungo la strada.

Homeless Home (Casa dei senzatetto)

Nella categoria Miglior cortometraggio d’animazione, quattro titoli sono passati alla competizione finale: Blue & Malone: ​​Casos Imposibles di Abraham López Guerrero, Homeless Home (Casa dei senzatetto) di Alberto Vázquez (vincitore di un lungometraggio e due cortometraggi Goyas), Metamorphosis di Carla Pereira e Juanfran Jacinto, e Vuela (Volare) di Carlos Gómez-Mira.

La categoria Migliori effetti speciali contiene diversi candidati multipli: Raúl Romanillos e Míriam Piquer, per il dramma di Salvador Calvo sugli immigrati africani in Spagna, Adú (il film più nominato quest’anno con 13, incluso il miglior film); Mariano Garcia Marty e Ana Rubio per Coven (nove candidature); Raúl Romanillos e Jean-Louis Billiard per Black Beach (sei candidature); e Raúl Romanillos e Míriam Piquer per Unfortunate Stories (Storie sfortunate) (quattro candidature). Qualunque sia il modo in cui l’Academia si appoggia, le probabilità sembrano buone per Romanillos, che ha già vinto la categoria sei volte con una dozzina di nomination aggiuntive!

La 35a edizione dei Goya Awards si terrà il 6 marzo a Malaga per il secondo anno consecutivo, trasmessa in televisione su TVE e TVE Internacional.

Adu

Adu

Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net