"Baba Yaga" VR di Baobab alla premiere di Venezia

"Baba Yaga" VR di Baobab alla premiere di Venezia

Baba Yaga la nuova, emozionante e avvincente esperienza narrativa animata di Baobab Studios, celebrerà la sua prima proiezione mondiale all’interno della sezione “Venice VR extended” del Festival Internazionale del Cinema di Venezia. Quest’ultimo sforzo dello studio dietro Asteroids!Crow: The Legend and Bonfire, introduce gli spettatori a questa imperscrutabile strega tratta dal folklore dell’Europa orientale, inserendola direttamente nella storia, guidando il modo in cui si svolge.

Nel Baba Yaga, gli spettatori saranno invitati come personaggi principali in un mondo da favola inquietante, completamente reinventato e le loro scelte determineranno la fine di questa storia d’amore, di forza e di magia. A volte una forza del male, a volte una forza del bene, l’enigmatica strega Baba Yaga usa i suoi poteri per fermare gli abitanti del villaggio il cui insediamento invade la sua foresta incantata. Quando la madre dello spettatore, il capo del villaggio, si ammala mortalmente, tocca a loro e alla loro sorella Magda fare l’impensabile: entrare nella foresta, scoprire i suoi misteri nascosti e ottenere la cura da Baba Yaga. In definitiva, ogni decisione presa dallo spettatore conta … anche se l’umanità e la natura possano vivere in equilibrio.

Diretto dal co-fondatore dei Baobab Studios Eric Darnell e co-diretto da Mathias Chelebourg, Baba Yaga è una rappresentazione contemporanea della leggenda dell’Europa orientale ispirata all’animazione pop-up 2D dei libri illustrati, agli stili disegnati a mano e alla tecnica di animazione stop-motion, creando un linguaggio visivo moderno per la realtà virtuale ispirato all’animazione classica. Sfruttando i pluripremiati pionieri dell’animazione e veterani di giochi interattivi dello studio, Baba Yaga fonde teatro, cinema, interattività, intelligenza artificiale e animazione in un’esperienza unica che esplora i temi dello sviluppo tecnologico e dell’ ambientalismo.

Quest’anno, gli organizzatori del festival di Venezia hanno optato per offrire 44 selezioni di programmi VR in rappresentanza di 24 paesi (31 progetti in concorso, nove fuori concorso, quattro progetti sviluppati durante le edizioni della Biennale College Cinema e uno supportato da una sovvenzione della Biennale) interamente online. L’innovativa piattaforma digitale è supportata da HTC Viveport, Oculus di Facebook, VRChat e VRrOOm. Vedi tutte le selezioni qui.

Selezioni del concorso esteso VR di Venezia:

Here | Lysander Ashton (U.S./U.K.)

Finding Pandora X | Lily Baldwin, Saschka Unseld, Kumar Atre (Stati Uniti / Germania / Svizzera)

Finding Pandora X | Kiira Benzing (Stati Uniti)

A Taste of Hunger | Christoffer Boe, David Adler (Danimarca / Svezia / Francia)

Hush | Vibeke Bryld (Danimarca)

Goodbye Mr. Octopus | Amaury Campion (Francia / Stati Uniti)

Om Devi: Sheroes Revolution | Claudio Casale (Italia / India)

African Space Makers | The Nrb Bus Collective (Kenya / Germania)

Baba Yaga | Eric Darnell, Mathias Chelebourg (Stati Uniti)

Killing a Superstar | Fan Fan (Cina)

Gnomes and Goblins | Jon Favreau, Jake Rowell (Stati Uniti)

Agence | Pietro Gagliano (Canada)

In the Land of the Flabby Schnook | Francis Gelinas (Canada)

Dreamin ‘Zone | Fabienne Glezendanner (Francia / Svizzera / Germania / Corea del Sud)

Replacements | Jonathan Hagard (Giappone / Germania / Indonesia)

Paper Birds | German Heller, Federico Carlini (Argentina)

Great Hoax: The Moon Landing | John Hsu, Marco Lococo (Taiwan / Argentina)

Beat | Keisuke Itoh (Giappone)

La Comedie Virtuelle | Gilles Jobin (Svizzera)

The Hangman at Home | Michelle Kranot, Uri Kranot (Danimarca/Francia/Canada)

Once Upon a Sea | Adi Lavy (Israele/Canada)

The Metamovie Presents: Alien Rescue | Jason Moore (U.S.)

4 Feet High | Maria Belen Poncio, Rosario Perazolo Masjoan (Argentina/Francia)

Ajax All Powerful | Ethan Shaftel (U.S./Cina)

Minimum Mass | Raqi Syed, Areito Echevvaria (Nuova Zelanda/Francia/U.S.)

We Live Here | Rose Troche (U.S.)

Man Under Bridge | Hanna Vastinsalo (Finlandia)

Recoding Entropia | Francois Vautier (Francia)

Kinshasa Now | Marc-Henri Wajnberg (Belgio/Congo)

One More Minute | Wan Daming (Cina)

Mirror: The Signal | Pierre Zandrowicz (Francia)

Venezia è stato uno dei primi festival cinematografici al mondo a dimostrare interesse per la realtà virtuale. Lo sviluppo del VR Theater nel 2016 ha suscitato un enorme interesse tra i partecipanti al Venice Production Bridge. A partire dal 2017, La Biennale di Venezia ha lanciato il primo concorso VR in un festival di prima categoria. Quest’anno l’accessibilità esclusivamente online della sezione estesa VR di Venezia rappresenta un nuovo impegno e una nuova sfida.

Il Festival Internazionale del Cinema di Venezia si svolge dal 2 al 12 settembre (labiennale.org).

Di più Baba Yaga e Baobab Studios su ww.baobabstudios.com

Baba Yaga

Vai alla fonte dell’articolo