Come i registi si stanno adattando all'aumento dei festival virtuali

Come i registi si stanno adattando all'aumento dei festival virtuali


Premuti per il tempo, gli organizzatori stanno più o meno improvvisando, e finora sono stati adottati una serie di approcci (Short of the Week ha una buona carrellata). I registi e i distributori osservano i termini di ciascun festival virtuale quando decidono se lasciare che il loro lavoro venga mostrato. Ma il loro atteggiamento può anche essere modellato da una considerazione più ampia: cosa significa prendere parte a un festival senza comunità fisica? E potrebbe essere questo il futuro?

Per Thomas Renoldner, un festival online è meglio di niente. Il suo film Non so cosa, che si sta distribuendo, è stato accettato ad Ann Arbor. Quando il festival è passato allo streaming live, ha mantenuto il suo film nel programma e ha preso parte a domande e risposte remote. "È stato un momento di distrazione", dice, "una specie di piccola fuga da [the crisis]e ho trovato bello sperimentare lo spirito della nostra comunità artistica ". Il denaro non era un problema: "Preferirei donare loro denaro piuttosto che chiedere una tassa – in questa situazione e con questo particolare festival".

Caroline Attia è d'accordo. Il suo film Aurora boreale ha appena iniziato il suo festival, "nel momento peggiore possibile". La sua prossima proiezione sarà nell'edizione online dell'Aubagne Festival. "Penso che sia una buona opportunità in questo momento molto particolare di far vedere il film al pubblico," dice. Fondamentalmente, il film sarà trasmesso in streaming solo per un giorno, "in modo da non compromettere possibili altre proiezioni di festival".

Come suggerisce Attia, i festival virtuali stanno minacciando il delicato ecosistema della distribuzione di cortometraggi, in cui il gioco online può impedire che un'opera venga presa in considerazione da altri festival o acquirenti. È stato lanciato un impegno di sopravvivenza per il Festival del cinema per stabilire eccezioni temporanee alle regole del settore. Oltre cento festival e altre organizzazioni negli Stati Uniti hanno firmato fino ad ora – un numero decente, eppure solo una piccola parte del settore.

Come capo della Miyu Distribution, Luce Grosjean rappresenta un vasto elenco di cineasti di animazione e diversi festival virtuali le si sono avvicinati nelle ultime settimane. Spesso, i film in questione sono stati pre-venduti a canali come Arte, che pone ostacoli allo streaming: "I canali possono essere flessibili, ma se i festival non fanno uno sforzo, è difficile dare loro i diritti … [Some festivals] non considerare i nostri problemi e cercare solo di risolverli. Al contrario, alcuni sono felici di giocare al gioco di geo-restrizione e di pagare ".

Il denaro può essere un copertoncino. Quando gli organizzatori delle proiezioni virtuali SXSW hanno offerto $ 3000 ciascuno per lo streaming Simbiosi e Pollo dei Morti, due film che Grosjean distribuisce, per un mese, ha accettato volentieri. Per quanto riguarda i suoi cineasti, una considerazione chiave è se possono usare l'alloro di un festival. Per quanto riguarda Grosjean, se un festival ha annunciato ufficialmente una scaletta per un'edizione della vita reale che è stata successivamente cancellata, qualsiasi film incluso in quella scaletta può legittimamente usare l'alloro.

“Symbiosis” di Nadja Andrasev.

Quando un film è vietato dai festival virtuali da accordi di distribuzione precedenti, può perdere una parte significativa del suo pubblico di destinazione. Come Theodore Ushev, direttore di La fisica del dolore, per dirla, la situazione “praticamente uccide il mio film. E non sono affatto contento di questo. Comprendo gli sforzi dei festival per andare avanti, salvare i loro finanziamenti. E i cineasti? Siamo in una situazione di cattura 22. Selezionato ai festival [but unable] per mostrare le nostre opere. "

Ma per Ushev, il problema dei festival virtuali non è solo logistico – è filosofico: "Onestamente, tutta questa idea mette in discussione il concetto di festival cinematografici, come luogo in cui si incontrano colleghi registi, pubblico, professionisti …"

In questa prospettiva, Ushev non è solo. Sean Buckelew ha permesso ad Ann Arbor di mantenere il suo film Non sono un robot per il loro flusso online. Non aveva ancora programmato di presentarlo in anteprima online, ma la crisi del coronavirus ha cambiato idea. A suo avviso, il festival "ha fatto un lavoro straordinario, si sono davvero spostati online all'ora zero e sono riusciti a realizzarlo".

Ann Arbor live_stream
Ann Arbor ha optato per lo streaming live di tutti i suoi programmi gratuitamente.

Ma quando ha ricevuto un'offerta per un altro festival virtuale, Buckelew ha rifiutato. "Poiché Internet è fondamentalmente tutto uno spazio", dice, "rimuove l'eccitazione di ogni festival portando un pubblico unico di determinate persone in un determinato luogo … La cura e il contesto sono estremamente importanti, ma sembra anche che certo punto, se hai continuato a mostrare lo stesso film più volte in diversi festival che si erano trasferiti online, puoi anche caricarlo da solo in modo permanente. "

Un festival che ha scelto di preservare l'esperienza della vita reale è GLAS. Dopo aver annullato la sua edizione a Berkeley il mese scorso, ha optato per ospitare un festival su scala ridotta a Los Angeles alla fine dell'anno. Detto questo, il festival potrebbe incorporare eventi virtuali in futuro, come spiega la sua regista Jeanette Bonds: "Non siamo fondamentalmente contrari agli eventi di streaming live … ma quando sarà il momento [to do one] vorremmo che fosse qualcosa progettato per quel formato in base alla progettazione. Abbiamo anche esplorato l'idea di fare più domande e risposte live-stream con artisti e registi ".

Se i prossimi mesi dimostrano che i festival virtuali sono tecnicamente fattibili – e commercialmente validi – possono rimanere un appuntamento fisso importante del circuito anche dopo che la crisi è passata. Renoldner vede un lato positivo di questo: “Sento che anche il turismo dei festival è diventato troppo intenso negli ultimi decenni. Visitare numerosi festival in un anno non è molto bello per il nostro pianeta ".

Tuttavia, come tutti gli altri, crede che l'esperienza online alla fine non sostituisca i festival della vita reale. "Risposta finale: sono sicuro che il festival fisico – almeno quelli buoni – ovviamente sopravviverà."

(Come originariamente formulato, questo articolo implicava che la stessa SXSW sta organizzando il festival virtuale a suo nome, che in realtà è un'iniziativa di Mailchimp e Oscilloscope. Il testo è stato modificato per riflettere ciò.)



Clicca la fonte dell’articolo

Lascia un commento