Come un popolare libro di fumetti è diventato una serie animata

Come un popolare libro di fumetti è diventato una serie animata



Prodotto da La Pastèque e dalla NFB in collaborazione con Télé-Québec, la serie web La grande lista di tutto è ora online.

Questo adattamento animato del popolare fumetto è stato co-diretto dai suoi autori, Iris e Cathon, e dal regista e animatore Francis Papillon.

Il retroscena

Circa 10 anni fa, gli scrittori e amici di fumetti Iris e Cathon hanno aperto un blog con aneddoti divertenti e, in seguito, una fanzine che descrive le origini, reali o fittizie, degli oggetti di uso quotidiano. Nel 2013, La Pastèque ha pubblicato un fumetto basato sul blog (La lista delle scelte qui esistenti), che è diventato un grande successo. Dopo il rilascio di un secondo volume (Encore plus de choses qui esistente) e poi un'edizione completa, i due amici erano pronti per una nuova avventura, adattando la loro creazione allegra in una serie web animata.

Ma come procedere? È stato difficile mantenere intatto lo spirito e l'umorismo del fumetto originale? "Creare un fumetto e realizzare una serie web sono due processi molto diversi", afferma Cathon, che pubblica fumetti dal 2011. "Per il libro, lavoreremmo separatamente e poi metteremmo tutto insieme. Ma con la serie, ci siamo trovati a lavorare con un team enorme. In realtà, nel mondo dell'animazione, non penso che sia stata considerata una grande squadra, ma era per noi! "

Iris è d'accordo: i due amici non avevano idea che la loro "lista" sarebbe diventata un giorno una serie animata. Lavorare presso gli studi di animazione dell'NFB è stato un grande salto dal lavorare da soli a casa. Ma poiché il fumetto originale era già una serie di vignette distinte, ciascuna dedicata a un oggetto specifico, il materiale si prestava facilmente all'adattamento.

Un nuovo pubblico

L'obiettivo principale degli autori per le serie web era di orientarlo in modo specifico verso i giovani, mentre i fumetti erano stati pensati per un vasto pubblico. "Quando stavo scrivendo i fumetti, ammetto che avevo in mente soprattutto gli adulti", afferma Iris, che si è fatta un nome attraverso il fumetto, tra gli altri titoli La chiacchierata (creato con Zviane, un altro collaboratore di NFB). “Ma dai commenti che abbiamo ricevuto, ci siamo presto resi conto che anche i bambini hanno apprezzato molto i libri. Tutta la famiglia li stava leggendo. Ho pensato che fosse davvero bello. "

"Quando è arrivato il momento di fare l'animazione, abbiamo dovuto tenere sempre in mente i bambini", continua Iris, che, come la sua collega Cathon, scrive anche per un pubblico giovane. La serie web è destinata in particolare al pubblico di 9-12 anni della piattaforma Squat di Télé-Québec. "Il contenuto originale dei fumetti funziona davvero bene per un pubblico giovanile, ma ce n'erano alcuni, chiamiamoli scherzi" grezzi "che erano meno appropriati", osserva Cathon, ridendo. "Basti dire che volevamo evitare lamentele da parte dei genitori", aggiunge Iris.

Quindi alcune gag dovevano essere rimosse e altre aggiunte, ma non era troppo difficile preservare l'essenza dei libri popolari. Ciascuno dei 13 oggetti della serie web è stato accuratamente selezionato tra quelli che sono apparsi nei libri. Ma prima di tutto, gli autori hanno dovuto considerare il rapporto tra informazioni vere e false presentate, poiché questo faceva parte di ciò che rendeva il progetto così unico. Quindi hanno dovuto determinare quali erano i più adatti ai bambini dai 9 ai 12 anni. (Gli episodi preferiti dagli autori sono "Pantaloni" e "Il telefono", in parte a causa delle battute sulle scoregge, di cui Iris ammette, ridacchiando, di essere particolarmente affezionata.)

La grande lista di tutto: i pantaloni, Iris Boudreau & Francis Papillon, fornito dal National Film Board of Canada

GUARDA IL GRANDE ELENCO DI TUTTO

Dal duo al trio

Dopo aver selezionato gli oggetti, Iris e Cathon hanno iniziato a creare storyboard e scrivere gli episodi insieme, ma gradualmente hanno diviso il lavoro in compiti individuali. "All'inizio abbiamo lavorato a stretto contatto per trovare il tono della serie. Tendevamo ad attenerci strettamente ai libri, ma quando ci sentimmo a nostro agio con il formato, ci allontanammo dai libri e trovammo uno stile più libero. Abbiamo dovuto cambiare i nostri processi di pensiero e il modo in cui abbiamo sviluppato battute ”, spiega Cathon.

Gli amici erano entusiasti di vedere i personaggi della loro creazione – che erano stati concepiti come i loro alter ego – prendere vita e in realtà parlare. Gli attori Debbie Lynch-White e Émilie Bibeau sono stati scelti per dare voce ai personaggi. “Ci siamo dati personalità estremamente estreme nei libri, ma i lettori che ci conoscevano li hanno effettivamente associati a noi. Quindi sono rimasti scioccati nello scoprire che in realtà non erano le nostre voci. Lo trovano ancora un po 'preoccupante ”, ridono le donne, sottolineando che i personaggi sono davvero immaginari.

In quella che si è rivelata una riunione fortuita facilitata dal produttore Vali Fugulin, Iris e Cathon si sono rivolti a Francis Papillon per animare la loro creazione. "Cathon e io abbiamo studiato arti visive insieme al CEGEP, e poi abbiamo perso il contatto", spiega Francis, che, dopo aver studiato regia e regia di animazione, è diventato uno specialista del motion design. “Vali mi ha suggerito di lavorare alla demo per Il Ottima lista senza renderci conto che io e Cathon ci conoscevamo, e ne ho approfittato. È stato un vero colpo di fortuna. Conoscevo e amavo già il mondo, l'umorismo e i personaggi che Cathon e Iris avevano creato nel loro blog, e i fumetti mi hanno fatto amare ancora di più ”.

Un processo di apprendimento per tutti

Da novembre 2018 a luglio 2019, Francis ha iniziato a lavorare animando i disegni di Iris e Cathon, assistito da Louis Meilleur. Da quando era stato assunto all'inizio, Francis prese parte alle decisioni creative e di scrittura e divenne co-direttore per La grande lista.

"Abbiamo avuto solo 12 giorni per fare ogni episodio, inclusi storyboard e animazioni, quindi era indispensabile trovare un processo di animazione che fosse efficiente ma non noioso", spiega Papillon, osservando che ha imparato come usare il software di animazione di Montreal Toon Boom per progetto. "Ho sviluppato un metodo ibrido che mi ha permesso di preservare il mondo visivo dei libri, che pensavo fosse già molto adatto all'animazione, senza dover cambiare troppo". Ciò ha assicurato che molti degli elementi visivi dei fumetti potevano essere mantenuti, con Cathon che disegnava tutti quelli che mancavano, come pose di personaggi, oggetti e componenti del design del set.

"Il mio obiettivo era quello di rimanere il più fedele possibile al mondo di Cathon e Iris, perché mi piaceva già così tanto. Insieme, penso che siamo riusciti a preservare lo spirito e il senso dell'umorismo dei personaggi. È stato davvero importante. " – Francis Papillon

I tre condirettori sono ansiosi di condividere i frutti del loro lavoro. Mentre Francis sta lavorando con l'NFB per un nuovo progetto animato per i giovani, Iris e Cathon sono entusiasti di tornare al loro mezzo di scelta, anche se entrambi concordano sul fatto che il progetto è stata un'esperienza di apprendimento gratificante.

"Sono molto felice di tornare ai miei progetti sui fumetti", osserva Iris, "ma è stato davvero soddisfacente essere un regista e prendere parte a ogni fase del progetto. Mi è piaciuto di più lo storyboard. In un certo senso mi ha dato fiducia, una piccola pacca sulla spalla, di affermarmi come scrittore. Mi piacerebbe seguire quella strada. Ma il fumetto è sicuramente il mio mezzo di comunicazione. "


Immagine principale: i registi Francis Papillon e Iris (foto: Stephan Ballard)



Clicca la fonte dell’articolo