Di fronte al fallimento, Takashi Murakami abbandona il secondo lungometraggio dopo 9 anni di lavoro

Di fronte al fallimento, Takashi Murakami abbandona il secondo lungometraggio dopo 9 anni di lavoro
Takashi Murakami.

Murakami, 58 anni, incolpa il coronavirus, che ha portato la sua compagnia sull’orlo della bancarotta e lo ha costretto ad abbandonare il film. Ma c’è chiaramente di più nella storia. Come ammette l’artista, Jellyfish Eyes Parte 1 (immagine in alto), un film fantasy fiabesco che combina live action e cgi, è stato un flop. Alla sua uscita nel 2014 – dopo i lavori su Parte 2 era iniziato – “non ha ricevuto alcuna reazione”. (The Criterion Collection ha pubblicato il film su home video negli Stati Uniti)

I problemi sono più profondi di così. Murakami si è fatto un nome con i suoi strabilianti disegni pop-art, che lo hanno paragonato a Warhol. Quando si parla di cinema, tuttavia, afferma di non avere le competenze di base. Il filmato dietro le quinte lo conferma, raffigurante una produzione che era allo stesso tempo vertiginosamente ambiziosa e generalmente amatoriale.

Vale la pena guardare il video per intero, non solo per il commento divertente e autoironico di Murakami – “gli artisti sono persone molto stupide”, riflette – ma anche perché dà un senso di ciò che può accadere quando un regista con scarsa comprensione al timone della produzione di CG affronta una produzione ibrida. Ad un certo punto, Murakami informa la sua squadra Parte 2 che avrà più scene in cg di qualsiasi film giapponese nella storia. Per la maggior parte, il video mostra solo colleghi ansiosi che ascoltano il viso pietroso dei suoi suggerimenti selvaggi.

I segnali di pericolo erano già lì anni fa. Dopo il rilascio di Parte 1, Ha detto Murakami Il giornale di Wall Street che aveva alienato tutto il suo equipaggio d’animazione. Il documento ha scritto: “Ha detto ai suoi animatori come i personaggi dovrebbero muoversi e poi ha aspettato un mese per vedere i risultati, che ha rifiutato – ancora e ancora, per più di un anno”.

Il lato positivo di questo folle progetto di vanità? Murakami è disposto ad ammettere dove ha sbagliato. Promette di rilasciare altri video come questo, nella speranza che i giovani si rendano conto che anche un artista dalla grande fama commette errori. Nel frattempo, ha delle scuse da formulare: “Mi dispiace per tutti coloro che sono stati coinvolti in questo progetto. ”

Clicca la fonte dell’articolo