L’Academy of Museum of Motion Pictures ha rivelato i dettagli della mostra di Hayao Miyazaki

L’Academy of Museum of Motion Pictures ha rivelato i dettagli della mostra di Hayao Miyazaki

L’Academy of Museum of Motion Pictures ha rivelato i dettagli della mostra di Hayao Miyazaki, che celebrerà il maestro dell’animazione giapponese premio Oscar. La mostra è curata dalla curatrice delle mostre del museo dell’Accademia Jessica NIebel e dall’assistente curatore Raul Guzman, e organizzata in collaborazione con lo Studio Ghibli, che Miyazaki ha co-fondato nel 1985. In mostra alla Marilyn and Jeffrey Katzenberg Gallery all’inaugurazione pubblica del museo il 30 aprile , Hayao Miyazaki segna la prima retrospettiva museale nordamericana dedicata all’acclamato artista e al suo lavoro.

Con oltre 300 oggetti, la mostra esplorerà ciascuno dei film d’animazione di Miyazaki, tra cui il mio vicino Totoro (1988) e il premio Oscar La Città Incantata (2001). I visitatori viaggeranno attraverso i sei decenni di carriera del regista attraverso una presentazione dinamica di imageboard originali, design dei personaggi, storyboard, layout, sfondi, poster e cel, inclusi pezzi mai mostrati prima al pubblico al di fuori del Giappone, nonché proiezioni su larga scala di filmati e ambienti immersivi.

Hayao Miyazaki e un originale imageboard che ha creato per Nausicaä of the Valley of the Wind © 1984 Studio Ghibli

“È un immenso onore avere Hayao Miyazaki  per questa mostra temporanea inaugurale, presso il Museo dell’Accademia di immagini in movimento “, ha affermato il co-fondatore dello Studio Ghibli e produttore Toshio Suzuki. “Il genio di Miyazaki è il suo potere di ricordare ciò che vede. Apre i cassetti nella sua testa per tirare fuori questi ricordi visivi per creare personaggi, paesaggi e strutture pieni di originalità. La nostra speranza è che i visitatori, possano sperimentare l’intera portata del processo creativo di Hayao Miyazaki, attraverso questa mostra. Sono profondamente grato a tutti coloro che sono stati fondamentali nella presentazione di questa mostra “.

Il direttore del museo dell’Accademia Bill Kramer ha commentato: “Non potremmo essere più entusiasti di lanciare la nostra nuova istituzione, con la presentazione più completa del lavoro di Hayao Miyazaki fino ad oggi. Onorare la magistrale carriera di questo artista internazionale è un modo appropriato per aprire le nostre porte, a significare l’ambito globale del Museo dell’Accademia “.

“Hayao Miyazaki ha una capacità singolare di catturare il modo in cui percepiamo la vita, con tutte le sue ambiguità e complessità”, ha affermato il curatore Niebel. “È stato un privilegio collaborare con lo Studio Ghibli nella creazione di una mostra. che piacerà ai fan più accaniti di Miyazaki e a coloro che non hanno ancora familiarità con il suo lavoro”.

il mio vicino Totoro

il mio vicino Totoro

Organizzata per tematiche in sette sezioni, la mostra è concepita come un viaggio: per far entrare, i visitatori che seguono Mei, la bambina di quattro anni (il mio vicino Totoro) dentro la galleria del Tunnel degli alberi ; uno spazio di transizione che conduce nei mondi incantati di Miyazaki.

Uscendo dal tunnel, i visitatori si troveranno nella galleria della Creazione di personaggi , che presenta un’installazione multischermo di brevi clip dei principali protagonisti di Miyazaki. Questa sezione evidenzia come i suoi personaggi, vengono sviluppati dall’ideazione alla creazione e presenta design originali dei personaggi da Totoro, Kiki – Consegne a domicilio (1989) e Principessa Mononoke (1997) – alcune di queste opere d’arte non sono mai state viste fuori dal Giappone.

Nel seguente Making Of, i visitatori scopriranno la collaborazione a lungo termine di Miyazaki con il defunto co-fondatore dello Studio Ghibli Isao Takahata e i suoi primi lavori come animatore, comprese le serie TV rivoluzionarie Heidi, Ragazza delle Alpi e il suo primo lungometraggio Lupin III: Il Castello di Cagliostro (1979). Un tributo speciale a Nausicaä della Valle del Vento (1984) sottolinea la sua importanza per la carriera di Miyazaki e la fondazione dello Studio Ghibli.

Nausicaä della Valle del Vento © 1984 Studio Ghibli

Nausicaä della Valle del Vento © 1984 Studio Ghibli

Da lì, i visitatori si spostano nella galleria della Creazione di mondi , uno spazio che evoca i mondi fantastici di Miyazaki. La galleria catturerà il contrasto tra gli ambienti belli, naturali e tranquilli e le ambientazioni industriali dominate dal lavoro e dalla tecnologia che spesso sono presenti nei film di Miyazaki. I visitatori possono visualizzare schizzi concettuali e sfondi che offrono informazioni sull’immaginazione di Miyazaki, incluso un pannello di immagini originale del suo primo film di Ghibli, Laputa castello nel cielo (1986) e le illustrazioni dei film successivi. Altre aree esplorano il fascino di Miyazaki per le complesse strutture verticali, come il famoso stabilimento balneare di La Città Incantata e il mondo sottomarino di Ponyo (2008), così come l’interesse di Miyazaki per il volo visto in Porco Rosso (1992) e Si alza il vento (2013). Come momento clou della mostra, i visitatori possono godersi un momento di tranquilla contemplazione nel Vista cielo installazione, affrontando un altro motivo Miyazaki frequente: il desiderio di rallentare, riflettere e sognare.

Immagine di produzione, Ponyo © 2008 Studio Ghibli

Immagine di produzione, Ponyo © 2008 Studio Ghibli

Successivamente, la galleria Trasformazioni offre ai visitatori l’opportunità di esplorare le sorprendenti metamorfosi spesso vissute sia dai personaggi che dalle ambientazioni nei film di Miyazaki. Nel Il Castello errante di Howl (2004), ad esempio, i protagonisti attraversano trasformazioni fisiche che riflettono i loro stati emotivi, mentre in altri film, come Nausicaä, Miyazaki crea modi misteriosi e fantasiosi per visualizzare i cambiamenti che gli esseri umani impongono al mondo naturale.

I visitatori entrano quindi nella galleria finale della mostra, Foresta magica, attraverso il suo Madre Albero installazione. In piedi sulla soglia tra sogno e realtà, alberi colossali e mistici in molti dei film di Miyazaki rappresentano una connessione o una porta verso un altro mondo. Dopo aver attraversato l’installazione, i visitatori incontrano gli spiriti della foresta, come il giocoso Kodama di Principessa Mononoke – attraverso una serie di storyboard e media misti. I visitatori escono attraverso un altro corridoio di transizione, che li guida dai mondi fantasiosi di Miyazaki al museo.

Sfondo, Principessa Mononoke © 1997 Studio Ghibli

Sfondo, Principessa Mononoke © 1997 Studio Ghibli

Hayao Miyazaki sarà accompagnato da un catalogo di 256 pagine che accompagna il lettore in un viaggio riccamente illustrato attraverso gli straordinari mondi cinematografici del regista. I materiali di produzione dei suoi primi lavori televisivi attraverso tutti i suoi 11 lungometraggi offrono una panoramica del processo creativo e delle magistrali tecniche di animazione di Miyazaki. Pubblicato dall’Academy Museum of Motion Pictures e DelMonico Books, il catalogo include una prefazione di Toshio Suzuki, saggi di Pete Docter, Daniel Kothenschulte e Jessica Niebel e una filmografia illustrata.

La mostra sarà inoltre integrata con proiezioni di film in inglese e giapponese nei teatri all’avanguardia del museo, programmi pubblici e prodotti unici creati con lo Studio Ghibli disponibili esclusivamente nel negozio del museo.

www.academymuseum.org

Imageboard, Castle in the Sky © 1986 Studio Ghibli

Imageboard, Castle in the Sky © 1986 Studio Ghibli

Vai alla fonte dell’articolo