Il produttore di ” Soul ” parla del primo co-regista afroamericano della Pixar e del suo test di cultura interna

Il produttore di ” Soul ” parla del primo co-regista afroamericano della Pixar e del suo test di cultura interna

Il film sarà in particolare il primo lungometraggio della Pixar ad avere un co-regista afroamericano, Kemp Powers, che è anche co-sceneggiatore del film. Murray ha riconosciuto che quando Powers è stato introdotto per la prima volta per scrivere il film, “non c’era mai una proposta per lui per essere co-regista”. Ha continuato spiegando come è diventata condirettrice:

Pubblicità
Pubblicità

Ma con quanto ha contribuito alla storia e ai personaggi, è diventato rapidamente un partner. Volevamo assicurarci di essere onesti e autentici con il nostro cast afroamericano, e ha avuto un ruolo enorme in questo.

In questo modo, Soul sembra aver seguito uno schema simile al film precedente di Pixar “Coco” che ha aggiunto all’artista messicano-americano Adrián Molina come co-regista nel mezzo della produzione. (È importante notare qui che il termine condirettore varia nel significato in base allo studio, e in Pixar, il regista in cima è ancora responsabile delle decisioni creative finali, mentre il condirettore funge da secondo in comando.)

Murray ha anche spiegato che lo studio ha impiegato consulenti per assicurarsi che il film rappresentasse accuratamente i suoi personaggi neri. Hanno anche usato un “test di cultura interna”, che ha descritto come tale:

Loro [done with] Dipendenti afroamericani presso Pixar. Li riuniamo per far parte del nostro processo. Ci stavano aiutando con i personaggi e le loro storie, assicurandosi solo che fossero autentici.

A quanto pare, Pixar ha fatto uno sforzo per fare la cosa giusta per questo progetto, tuttavia i loro sforzi sollevano anche alcune importanti domande. Primo fra tutti: perché il primo co-regista nero dello studio è un impiegato esterno. Il modo tradizionale di dirigere nell’animazione è lavorare su altre parti della linea di produzione e infine arrivare alla regia. Lo studio, con i suoi oltre 1.400 dipendenti, non aveva artisti neri tra i suoi ranghi che credevano di aver sviluppato una voce creativa abbastanza forte da poter diventare un lavoro manageriale? D’altra parte, la promozione Powers riflette una tendenza recente in cui gli scrittori senza esperienza nella produzione di animazioni sono passati ai riflettori, in particolare Jennifer Lee su Congelato e Rodney Rothman in Spider-Man: Into the Spider-Verse.

Il problema di chi gestisce le funzioni di animazione della tenda non è specifico di Pixar, ma è un problema che continuerà a crescere di importanza mentre gli studi cercano di diversificare la loro narrazione e si rendono conto che il pool di talenti all’interno dei loro studi non lo fa riflette la diversità delle storie che cercano di raccontare. Se “Soul” finirà per essere un successo, dimostrerà che l’approccio della Pixar di mettere diversi talenti in cattedra è stato efficace. Ma il vero segno del successo sarà se i gusti di Molina e Powers continueranno a ricevere opportunità di leadership nel settore o se questo è stato un evento unico e sporadico  progettati solo per deviare le critiche.

Vai alla fonte dell’articolo