Il rapporto del Children's Media Lab esplora la rappresentazione nell'animazione canadese

Il rapporto del Children's Media Lab esplora la rappresentazione nell'animazione canadese


Un nuovo rapporto sulla rappresentazione nell'animazione televisiva canadese per bambini e giovani pubblicato questa settimana da Children’s Media Lab presso l'FCAD della Ryerson University mostra che sono stati compiuti alcuni passi positivi nella diversità del mezzo sullo schermo. I dati, intitolati "Examining Children’s Animated Television in Canada", rivelano che la rappresentazione delle persone di colore è complessivamente aumentata, mentre i personaggi femminili e i personaggi disabili sono ancora sottorappresentati.

Il nuovo rapporto scritto da Colleen Russo Johnson, Ph.D, Adrianna Ruggiero, MA, Kim Wilson e Josanne Buchanan è il seguito del popolare "Landscape of Children's Television negli Stati Uniti e in Canada", una collaborazione tra la Ryerson University e la Rutgers University , distribuito dal Center for Scholars and Storytellers dell'UCLA nella primavera del 2019.

"Sono entusiasta di annunciare che abbiamo assistito a enormi cambiamenti nella diversità razziale nei personaggi animati umani con persone di colore che rappresentano la metà di tutti i personaggi principali. Ma sono deluso nel dire che abbiamo ancora molta strada da fare nella nostra rappresentazione di genere, con i maschi che superano le femmine di quasi 2: 1. E i personaggi con disabilità sono praticamente assenti ", ha detto Colleen Russo Johnson, Ph.D, co-direttore del Children's Media Lab, professore a contratto presso la scuola di industrie creative presso FCAD (Ryerson University) e co-fondatore e Chief Scientist dell'OK Gioca all'app.

Molly of Denali della WGBH è una serie rivoluzionaria per la rappresentazione degli indigeni.

La percentuale di caratteri umani POC è risultata essere del 49%, guidata da un aumento del numero di caratteri neri (14%), latini / ispanici (11%), che riflettono più da vicino la composizione razziale / etnica del Canada oggi; Anche i personaggi dell'Asia orientale hanno segnato l'11%. Tuttavia, gli indigeni sono rappresentati solo dal 6% dei personaggi, con ancora meno toon dell'Asia meridionale (5%) o del Medio Oriente (5%) da vedere. Il rapporto sottolinea: "In effetti, dei 121 personaggi principali, il campione includeva solo un personaggio mediorientale, quattro personaggi indigeni (che provenivano tutti dallo stesso spettacolo) e tre personaggi dell'Asia meridionale (divisi tra due spettacoli)".

Tuttavia, l'aumento della rappresentanza dei neri e dell'America Latina è una notizia benvenuta tra le crescenti richieste di equità e inclusione sia dentro che fuori dallo schermo. Il rapporto è stato ispirato da eventi di think tank ospitati con emittenti canadesi e offre consigli per una maggiore diversità e inclusione nei contenuti multimediali per bambini canadesi, come diversificare le stanze degli scrittori, creare personaggi complessi e migliorare la rappresentazione di genere nei personaggi animati, nonché la visibilità del neuro -diversità e personaggi con disabilità.

"I produttori canadesi di contenuti per bambini sono già riconosciuti come i principali attori a livello globale. Ricerche come questa consentono loro di continuare a pensare all'equità e di sfidare se stessi per creare contenuti che affrontino le disparità come i pregiudizi di genere, anche in personaggi non umani come animali e mostri. Questo è qualcosa su cui i creatori di contenuti possono agire facilmente ", ha affermato Kim Wilson, co-direttore del Children’s Media Lab, Direttore, OneFish TwoFish Consulting e veterano dei media per bambini che ha guidato i contenuti per bambini sia al CBC che alla TVO.

La star di Becca's Bunch di JAM Media è uno dei soli 30% di personaggi femminili non umani nello studio.

La star di Becca's Bunch di JAM Media è uno dei soli 30% di personaggi femminili non umani nello studio.

Affrontando il genere, CML ha scoperto che la maggior parte dei personaggi principali erano maschi (63%), con uno squilibrio di genere ancora più netto tra i personaggi non umani (animali, piante / oggetti, mostri / creature, robot / macchine). Per i cartoni animati umani, il 57% dei personaggi guardati erano maschi, mentre i personaggi non umani erano il 70% maschi e solo il 30% femmine. I ricercatori hanno anche scoperto ciò che i designer di personaggi e i fan della creazione di meme sanno da tempo: le ciglia sono prevalentemente femminili nell'animazione. Dei 26 (21%) personaggi principali nello studio con le ciglia, 25 erano donne (la maggior parte bambini e giovani) e uno era un bambino maschio.

Anche la rappresentanza per la neurodiversità e la disabilità ha una strada da percorrere. Il rapporto ha rilevato che solo il 2% dei personaggi principali aveva una disabilità (il 9% aveva persino gli occhiali) e nessuno era rappresentato come neurodiverso. La sintesi dei risultati sottolinea che il 20% dei canadesi convive con una o più disabilità.

"La televisione per bambini ha l'incredibile opportunità di influenzare le opinioni dei bambini su se stessi e sugli altri. Spesso ci concentriamo su ciò che stiamo interpretando, ma la stessa attenzione deve essere prestata a ciò che non stiamo mostrando ", ha aggiunto Russo Johnson. “La mancanza di diversità sullo schermo, che si tratti di razza, sesso o disabilità, è dannosa. È imperativo che i bambini si vedano riflessi in modo accurato e positivo negli spettacoli che guardano. I bambini sono la nostra migliore speranza per un futuro più inclusivo e possiamo aiutarli a spingerli nella giusta direzione attraverso i contenuti che consumano ".

CML seguirà il rapporto con un Virtual Think Tank Event il 10 marzo.

www.ryerson.ca/the-studio-fcad/childrens-media-lab



Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net

error: Content is protected !!