Il trailer della serie per adulti “Chicago Party Aunt” su Netflix

Il trailer della serie per adulti “Chicago Party Aunt” su Netflix

Netflix ha condiviso il trailer ufficiale di debutto e l’anteprima alla sua prossima serie  Chicago Party Aunt. La commedia animata per adulti è stata ispirata dall’account Twitter Chicago Party Aunt e segue i personaggi principali “Diane e Daniel mentre navigano nel lavoro, nella famiglia, nel romanticismo e, soprattutto, come divertirsi nella migliore dannata città del mondo. ” La serie sarà presentata in anteprima su Netflix venerdì 17 settembre e conterrà otto episodi di mezz’ora.

Chicago Party Aunt

Ecco la sinossi ufficiale: “Diane Dunbrowski è stata l’anima della festa nella sua amata città natale dagli anni ’80 e non ha intenzione di cedere presto le redini. Quello che le manca nelle capacità di diventare adulta, lo compensa con il suo cuore d’oro e la determinazione ostinatamente leale verso la sua famiglia e i suoi amici. Tuttavia, è chiaro che Diane deve adattarsi al mondo in rapida evoluzione che la circonda, a meno che non voglia diventare una reliquia del passato come il suo poster preferito di Spuds McKenzie. Fortunatamente il suo nipote preferito (e unico), Daniel, rimanda l’università e decide di abbandonare la periferia e vivere con sua zia nella grande città. Lei è la fata madrina di Daniel, pronta a fargli divertire, e lui è la sua guida attraverso i pericoli spesso insidiosi della modernità che si muove sotto di lei ogni giorno”.

Chicago Party Aunt
Chicago Party Aunt

Chicago Party Aunt è stato creato da Chris Witaske, Jon Barinholtz e Katie Rich e animato da Cincia. Witaske, Barinholtz, Rich, Ike Barinholtz, Dave Stassen, Will Gluck, Richie Schwartz, Chris Prynoski, Antonio Canobbio, Ben Kalina e Matt Craig sono produttori esecutivi. Il cast vocale include Lauren Ash, Rory O’Malley, RuPaul Charles, Jill Talley, Ike e Jon Barinholtz, Da’Vine Joy Randolph, Katie Rich e Chris Witaske.

Chicago Party Aunt
Chicago Party Aunt

Guarda il trailer:

Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net