“Killers of the Cosmos” un cortometraggio sulle minacce dallo spazio su Science Channel

“Killers of the Cosmos” un cortometraggio sulle minacce dallo spazio su Science Channel

Lo spazio ispira stupore e meraviglia, ma può anche essere spaventoso… e letale. Buchi neri supermassicci, micidiali esplosioni di raggi gamma, asteroidi canaglia, energia oscura, supernova: il nostro mondo è sotto attacco dall’alto. Disinnescare questa bomba a orologeria con un’elegante narrazione animata, Killers of the Cosmos  in anteprima questa domenica 19 settembre alle 21:00 ET/PT su Science Channel e in streaming su discoveryplus.com.

La serie adotta un approccio da film noir a queste minacce, mescolando sceneggiature animate con i massimi esperti nei campi dell’astronomia, dell’astrofisica, della biologia, della cosmologia e delle scienze planetarie. Aidan Gillen interviene nei panni del nostro detective delle gomme da masticare. In ogni episodio, ha un caso da risolvere, ma prima ha bisogno di prove. Aiutato da un misterioso informatore, indaga su ogni disastro in atto attraverso una vasta gamma di esperti che hanno studiato alcune delle meraviglie più incredibili della scienza.

Stelle scure, raggi della morte, omini verdi, rocce assassine, rottami cosmici e il grande sonno compongono i sei casi, ognuno con un diverso pericolo mortale in agguato nelle profondità dello spazio. La sua conclusione: la Terra è in prima linea. Non è una questione di se queste cose colpiranno, ma quando!

Killers of the Cosmos  è prodotto da Wall to Wall Media Ltd per bilibili (Shanghai Kuanyu Digital Technology Co., Ltd) e Discovery, Inc. Per Wall to Wall, i produttori esecutivi sono Tim Lambert e Jeremy Dear, il produttore della serie è Nigel Paterson. Per Discovery, i produttori esecutivi sono Caroline Perez, Abram Sitzer e Wyatt Channell.

Gli spettatori possono partecipare alla conversazione sui social media utilizzando l’hashtag #KillersOfTheCosmos e seguire Science Channel su Facebook, Twitter, Instagram e TikTok per gli ultimi aggiornamenti.

www.sciencechannel.com | discoveryplus.com

Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net