L’autore di “Duckman” Everett Peck è morto all’età di 71 anni

L’autore di “Duckman” Everett Peck è morto all’età di 71 anni

L’ illustratore, fumettista, animatore, scrittore e insegnante Everett Peck, meglio conosciuto per la sua popolare serie animata Duckman e  Squirrel Boy, è morto martedì 14 giugno. La triste notizia è stata condivisa oggi sui feed di Peck su Instagram e Facebook. La sua causa della morte non è stata rivelata.

Nato il 9 ottobre 1950 a Taos, New Mexico, il caratteristico stile di illustrazione di Peck ha dato vita a personaggi colorati e spigolosi sulle pagine di  The New Yorker, Playboy  e  Time , oltre a fumetti, pubblicità stampate, libri e locandine di film. Come artista, ha mostrato lavori in gallerie negli Stati Uniti e fino a Tokyo. Peck è stato oggetto di una mostra d’arte personale nel 2011 all’Oceanside Museum of Art della California

I veri acchiappa fantasmi

Peck ha trasformato il suo talento nell’animazione con il successo della fine degli anni ’80  The Real Ghostbusters  come designer di personaggi / consulente esecutivo del design, creando la maggior parte dei fantasmi fantasiosi dello spettacolo. È tornato al franchise per la serie animata del 1997  Extreme Ghostbusters .

Duckman

Illustrazione originale di Everett Peck

Alla Klasky-Csupo, Peck ha scritto per il classico cartone animato di Nickelodeon, Rugrats  (1991-2004). Ma il suo lavoro più famoso,  Duckman , stava già trovando fan come un fumetto pubblicato da Dark Horse nel 1990. Il concetto è stato adattato in una sitcom animata per adulti acclamata dalla critica per USA Network, in corso per quattro stagioni dal 1994 al 1997 e animata presso Klasky -Csupo.

Sviluppato da Peck, Arlene Klasky, Gabor Csupo, Ron Osborn e Jeff Reno, la voce di Duckman: Private Dick/Family Man vedeva Jason Alexander nei panni di Duckman, un vedovo osceno, odiante ma egocentrico e PI che vive a Los Angeles con la sua altrettanto complessa famiglia. . Il cast vocale comprendeva anche Gregg Berger, Dweezil Zappa, Dana Hill, Pat Musick, EG Daily, Nancy Travis, Frank Welker e Tim Curry.

La serie ha ricevuto tre nomination ai Primetime Emmy come Miglior programma animato, per gli episodi “TV or Not to Be” (1994), “Noir Gang” (1996) e “Duckman and Cornfed in Haunted Society Plumbers” (1997). Duckman ha vinto un premio CableACE per la programmazione animata nel 1996.

Duckman: Dick privato / uomo di famiglia

Duckman: Dick privato / uomo di famiglia

Nel 2008, Peck ha detto a Animation Magazine:  “Ho inventato Duckmanallo stesso modo mi viene in mente la maggior parte delle mie idee, osservando le persone e disegnando nel mio album da disegno. Di solito porto con me il mio album da disegno dove vado. Mi piace disegnare in luoghi pubblici come caffetterie e bar. Di solito non disegno esattamente quello che vedo. Sto solo guardando tutti i diversi tipi di persone e sono interazioni pubbliche. Se vedo qualcosa di interessante, di solito finisce nel mio album da disegno in una forma o nell’altra. A volte questo costituisce la base per un personaggio. Disegnavo caricature di persone sedute nei bar in cambio di bevande. Ma dopo qualche birra i miei disegni hanno iniziato a sembrare peggio del solito e la gente ha iniziato ad arrabbiarsi. Ho quasi litigato un paio di volte, quindi ho smesso di farlo.

“La personalità di base di Duckman e il rapporto di lavoro con Cornfed si basa su un mio amico e sul suo ex partner (sottolineo ‘ex’.)”, ha osservato. Nei miei primi schizzi giocavo a mettere Duckman in una tuta muscolare. In uno sketch un Cornfed primordiale dice: “Aww Duckman, ogni volta che metti quella cosa su qualcuno si fa male, e di solito sei tu”. Mi sono rapidamente allontanato dal punto di vista dei supereroi. In ogni caso, non ho mai avuto l’intera faccenda dei supereroi. Voglio dire, è facile combattere il male quando sei strappato e hai un sacco di super poteri e un vestito fantastico. Dov’è il divertimento in questo? Mi piaceva l’idea di prendere un’anatra magra con una bocca grande e senza genitali e lanciarlo contro il mondo. Questo è intrattenimento! Io divago. Dopo aver risolto Duckman e Cornfed, gli altri personaggi sono andati a posto abbastanza rapidamente. Ho preso King Chicken da un dipinto su cui stavo lavorando e una vecchia ragazza ha ispirato Bernice. Ho iniziato a elaborare storie sotto forma di fumetti, poi le ho compilate con del nuovo materiale per creare il primo fumetto di Duckman per Darkhorse Publications. Più o meno nello stesso periodo ho mostratoDuckman  a Gabor Csupo (co-proprietario dello studio di animazione Klasky-Csupo). Gli è piaciuto immediatamente, quindi abbiamo stretto una partnership per produrre  Duckman come una proprietà animata.

Quando gli è stato chiesto il motivo della popolarità dello show, Peck ha risposto: “Sono andato con qualcosa che era interessante per me. Non puoi mai davvero giudicare come le persone riceveranno le cose che fai, puoi impazzire pensando in quel modo (ma ora hanno dei meravigliosi farmaci per questo). Certo, sono felice che alle persone piaccia. Penso che una cosa a cui la gente risponda è che Duckman  è praticamente l’unico spettacolo animato là fuori che è veramente uno spettacolo per adulti. Una cosa che mi preoccupava inizialmente era mantenere l’atteggiamento e la sessualità del fumetto nella serie animata. Penso che abbiamo avuto abbastanza successo. Non ho lasciato che i miei figli lo guardassero. Non ho nemmeno menzionato che stavo lavorando a  Duckman . Ho detto loro che papà doveva passare un po’ di tempo in prigione, ma presto sarebbe tornato a casa”.

Negli anni ’90, Peck ha lavorato a diverse serie preferite del decennio, tra cui come visual designer in  The Critic , animato da Film Roman per ABC, e come character designer/consulente del design in Dragon Tales, Men in Black: The Series, Godzilla: La serie e il  cartone animato di Jumanji . Ha anche animato per Sesame Street. 

Peck ha collaborato di nuovo con Klasky-Csupo per creare il cortometraggio televisivo di sette minuti Stinky Pierre (2003), che vedeva Charlie Adler come protagonista. Il film è stato diretto da Zhenia Delioussine e Andrei Svislotski.

Ragazzo scoiattolo

Prendendo un tono più mite e adatto ai bambini dopo  Duckman , Peck ha creato la serie di Cartoon Network  Squirrel Boy , andata in onda per due stagioni e una mezza dozzina di cortometraggi dal 2006 al 2008. La serie 2D prodotta dagli studi di Cartoon Network era incentrata su uno scoiattolo antropomorfo di nome Rodney ( doppiato da Richard Steven Horvitz) che trascinava sempre il suo ragazzo umano, la migliore amica Andy (Pamela Adlon), nei suoi schemi folli.

Diretto da Raymie Muzquiz, lo spettacolo comprendeva anche le voci di Carlos Alazraqui, Kurtwood Smith, Nancy Sullivan, Billy West, Jason Spisak, Tom Kenny e Monica Lee Gradischek.

Peck risiedeva a Oceanside, in California, al momento della sua morte. È sopravvissuto da sua moglie, Helen Vita Peck.

Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net