La nuova serie animata di Lucasfilm “Star Wars: The Bad Batch” in arrivo su Disney +

La nuova serie animata di Lucasfilm “Star Wars: The Bad Batch” in arrivo su Disney +

Disney + ha ordinato una nuova serie animata da Lucasfilm, Star Wars: The Bad Batch. Acclamato dalla critica Star Warsi la battaglia dei cloni, la serie originale Disney + sarà presentata in anteprima sul servizio di streaming nel 2021.

La serie segue i cloni d’élite e sperimentali del “Bad Batch” (introdotto per la prima volta in Le guerre dei cloni) mentre trovano la loro strada in una galassia in rapido cambiamento nell’immediato dopoguerra della Guerra dei Cloni. I membri di Bad Batch – una squadra unica di cloni che variano geneticamente dai loro fratelli nell’esercito dei cloni – possiedono ciascuno un’eccezionale singolare abilità che li rende soldati straordinariamente efficaci e un formidabile equipaggio. Nell’era postbellica, intraprenderanno audaci missioni mercenarie mentre lottano per rimanere a galla e trovare nuovi scopi.

“Dare ai fan nuovi ed esistenti il ​​capitolo finale di Guerre Stellari la battaglia dei cloni è stato il nostro onore a Disney + e siamo felicissimi della risposta globale a questa serie storica “, ha affermato Agnes Chu, SVP Content, Disney +. “Mentre le Guerre dei Cloni potrebbero essere giunte alla sua conclusione, la nostra collaborazione con i rivoluzionari narratori e artisti di Lucasfilm Animation è solo all’inizio. Siamo entusiasti di dare vita alla visione di Dave Filoni attraverso le prossime avventure di Bad Batch. “

Star Wars: The Bad Batch è prodotto da Dave Filoni (Il mandaloriano, Guerre Stellari la battaglia dei cloni), Athena Portillo (Guerre Stellari la battaglia dei cloni, Star Wars Rebels), Brad Rau (Star Wars Rebels, Star Wars Resistance) e Jennifer Corbett (Star Wars Resistance, NCIS) con Carrie Beck (Il mandaloriano, Star Wars Rebels) come coproduttore esecutivo e Josh Rimes come produttore (Star Wars Resistance). Rau è anche supervisore alla regia con Corbett come head writer.

Vai alla fonte dell’articolo