Al via la seconda stagione della serie animata 'gen: LOCK'

Al via la seconda stagione della serie animata 'gen: LOCK'

Rooster Teeth e Outlier Society hanno aumentato la rappresentanza e l’inclusione dietro la telecamera con l’imminente seconda stagione della serie animata gen: LOCK per HBO Max. gen: LOCK è prodotto esecutivo da and stars Michael B. Jordan (Creed, Black Panther), e la sua società di produzione Outlier Society sta coproducendo la serie insieme alla società WarnerMedia Rooster Teeth.

Insieme, Rooster Teeth e Outlier Society hanno assicurato che la produzione per gen: LOCK è inclusiva sulla base delle raccomandazioni del settore, recentemente annunciate dalla iniziativa Giordania #ChangeHollywoond . Scrittori Daniel Dominguez (I racconti epici di Capitan Mutanda, Seis Manos), Maasai Singleton, Evan Narcisse, Kristle Peluso (Onyx Equinox) e Gavin Hignight (Transformers: War for Cybertron, Star Wars Resistance) portare il loro talento, esperienza e prospettive culturali nella stanza degli scrittori, per la seconda stagione della serie ispirata ai mecha, inclusa la rappresentazione nelle comunità Black, Latinx e LGBTQIA +. gen: LOCK si svolge tra 50 anni nel futuro e racconta la storia di una forza autoritaria oppressiva, che minaccia di conquistare il mondo.

“L’inclusività e l’amplificazione delle storie tra bianchi e neri, sono sempre state in prima linea nella Outlier Society e nelle nostre produzioni”, ha affermato Jordan. “Sono orgoglioso di collaborare con HBO Max e Rooster Teeth per #ChangeHollywood e garantire ai nostri scrittori spazio per gen: LOCK è un riflesso del mondo in cui viviamo. ”

“Quando ero un adolescente mi sono innamorato degli anime, perché la mia immaginazione era sempre strana e iperbolica, come sono i cartoni animati”, ha detto Dominguez, che funge da Head Writer della serie. “Non potrei essere più onorato ed entusiasta di aver avuto questa opportunità di lavorare con Rooster Teeth, perché abbracciano lo stesso spirito di espandere i confini della narrazione, che sta facendo la sua piccola parte per rendere il mondo un posto migliore e più empatico. “

gen: LOCK Sinossi S2:

Su una Terra morente nel mezzo di un crollo climatico ormai inarrestabile, due visioni completamente distinte per il futuro della razza umana sono arrivate a dominare: il sistema politico e l’Unione. Il futuro dell’umanità, se deve averne uno, riposa in una qualche forma di meccanizzazione o digitalizzazione. Sulle parti opposte di questo dibattito fondamentale, la politica e l’Unione rimasero bloccate in una guerra brutale e spietata …

Una guerra che la Polity sta perdendo, nonostante gli eroici sforzi dei loro più grandi soldati, il team gen: LOCK – Chase, Cammie, Yaz, Kazu e Val, che continuano a caricare le loro menti nelle loro unità di Holon e combattono per la loro visione di un migliore futuro in prima linea.

Quando incontriamo la figura di spicco dell’Unione – il fratello Tate – ei cittadini per i quali versa il sangue della Polity, la natura del conflitto tra le due parti, sarà vista sotto una luce completamente nuova. Una luce che, per Chase, metterà alla prova la sua lealtà alla Polity … mentre scava più a fondo nella natura della guerra e non si rende conto di nulla che pensasse sia quello che sembra …

Stelle della voce Dakota Fanning (The Alienist, Twilight Saga), Maisie Williams (Game of Thrones, Early Man, New Mutants), Golshifteh Farahani (Pirati dei Caraibi: Dead Men Tell No Tales) e David Tennant (Jessica Jones, Doctor Who) sono tutti pronti per tornare alla serie insieme a Jordan.

gen: LOCK è prodotto da Jordan e Alana Mayo di Outlier Society, insieme a Matt Hullum e Ryan P. Hall di Rooster Teeth. La serie è prodotta da Rooster Teeth.

Il gen: LOCK Il team di sceneggiatori sarà presente in un panel “Meet the Writers of gen: LOCK Season 2” all’evento virtuale RTX at Home di Rooster Teeth. Il pannello fa parte della programmazione del Festival dell’Animazione sponsorizzata da HBO Max. Guarda il panel gratuito dal vivo il 21 settembre alle 14:00. ET su https://roosterteeth.com/live/rt-tv.

Vai alla fonte dell’articolo