“Star Wars: Vision” la prossima serie antologica in stile anime giapponese

“Star Wars: Vision” la prossima serie antologica in stile anime giapponese

Disney+ ha presentato il trailer e ha annunciato il cast dei doppiatori in giapponese e inglese per Star Wars: Vision, un’imminente serie antologica della Lucasfilm, che racconta nuove storie di Star Wars attraverso lo stile e e la tradizione degli anime giapponesi. Disney+ ha anche pubblicato quattro nuove immagini dal trailer.

Il nuovo trailer offre un anteprima del tono accattivante e delle immagini straordinarie di ciascuno dei cortometraggi animati, che possono essere visualizzati sia con il cast del doppiaggio originale che con il cast inglese quando la serie verrà lanciata su Disney+ il 22 settembre.

Star Wars: Vision

“Lucasfilm sta collaborando con sette dei più talentuosi studi di anime in Giappone per portare il loro stile inconfondibile e la visione unica della galassia di Star Wars in questa nuova serie ispirata”, ha affermato James Waugh, produttore esecutivo e vicepresidente di Lucasfilm, Franchise Content & Strategy. “Le loro storie mostrano l’intero spettro di narrazioni audaci che si trovano nell’animazione giapponese; ognuno racconta con una freschezza e una voce che ampliano la nostra comprensione di ciò che la storia di Star Wars può essere, e celebra una galassia che è stata  ispirazione per tanti narratori visionari”.

Il doppiaggio inglese include i doppiatori, gli attori e nuovi talenti dell’universo Star Wars:

  • il duello (animazione di Kamikaze Douga): Brian Tee (Rin), Lucy Liu (Capo bandito), Jaden Waldman (Capo villaggio)
  • Tatooine Rhapsody (Studio Colorido di Twin Engine): Joseph Gordon-Levitt (Jay), Bobby Moynihan (Geezer), Temuera Morrison (Boba Fett), Shelby Young (K-344), Marc Thompson (Lan)
  • I gemelli (GRILLETTO): Neil Patrick Harris (Karre), Alison Briè (Sono), Jonathan Lipow (B-20N)
  • La sposa del villaggio (cinema agrumi): Karen Fukuhara (F), Nichole Sakura (Haru), Christopher Sean (Asu), Cary-Hiroyuki Tagawa (Valco), Andrew Kishino (Izuma), Stephanie Sheh (Saku)
  • Il Nono Jedi (Produzione I.G): Kimiko Glenn (Kara), Andrew Kishino (Giuro), Simu Liu (Zhima), Masi Ok (Etano), Greg Chun (Roden), Neil Kaplan (Narratore), Michael Sinterniklaas (Hen Jin)
  • T0-B1 (Scienza Sarù): Jaden Waldman (T0-B1), Kyle Chandler (Mitaka)
  • L’anziano (GRILLETTO): David Harbour (Taji), giordania pescatore (Dani), James Hong (L’anziano)
  • Lop & Ocho (Geno Studio di Twin Engine): Anna Cathcart (Lop), Hiromi Dames (Ocho), Paul Nakauchi (Yasaburo), Kyle McCarley (Ufficiale Imperiale)
  • Akakiri (Scienza Sarù): Henry Golding (Tsubaki), Jamie Chung (Misa), George Takei (Sensuu), Keone Young (Kamahachi), Lorena Toussaint (Masago)
Star Wars: Visioni

Star Wars: Vision

Disney+ ha anche pubblicato un anteprima del cast che ha doppiato i cortometraggi in giapponese, che include una moltitudine di doppiatori veterani (guarda il trailer in lingua giapponese qui):

  • Il duello: Masaki Terasoma (Rin), Akeno Watanabe (Capo bandito), Yūko Sanpei (Capo villaggio)
  • Tatooine Rhapsody: Hiroyuki Yoshino (Jay), Kōusuke Gotō (Geezer), Akio Kaneda (Boba Fett), Masayo Fujita (K-344), Anri Katsu (Lan)
  • Le gemelle: Junya Enoki (Karre), Ryoko Shiraishi (Sono), Tokuyoshi Kawashima (B-20N)
  • La sposa del villaggio: Asami Seto (F), Megumi Han (Haru), Yuma Uchida (Asu), Takaya Kamikawa (Van), Yoshimitsu Shimoyama (Izuma), Mariya Ise (Saku)
  • Il Nono Jedi: Chinatsu Akasaki (Kara), Tetsuo Kanao (Giuro), Shin-ichiro Miki (Zhima), Hiromu Mineta (Etano), Kazuya Nakai (Roden), Akio Ōtsuka (Narratore), Daisuke Hirakawa (Hen Jin)
  • T0-B1: Masako Nozawa (T0-B1), Tsutomu Isobe (Mitaka)
  • Il Vecchio: Takaya Hashi (Taji), Kenichi Ogata (L’anziano), Yuichi Nakamura (Dan)
  • Lop & Ocho: Seiran Kobayashi (Lop), Risa Shimizu (Ocho), Tadahisa Fujimura (Yasaburo), Taisuke Nakano (Ufficiale Imperiale)
  • Akakiri: Yū Miyazaki (Tsubaki), Lynn (Misa), Cho (Sensuu), Wataru Takagi (Kamahachi), Yukari Nozawa (Masago)
Star Wars: Visioni

Star Wars: Vision

Vai alla fonte dell’articolo su www.animationmagazine.net