Gli autori di “Wolfwalkers” al VIEW Conference di Torino

Gli autori di “Wolfwalkers”  al VIEW Conference di Torino

Tomm Moore, Co-fondatore e direttore creativo di Cartoon Saloon, parteciperà al VIEW Conference di Torino, per il suo evento annuale nell’ottobre 2020. In un’ampia sessione di 90 minuti, Moore e il suo team creativo offriranno al pubblico approfondimenti dettagliati sulla realizzazione di Wolfwalkers, l’ultimo spettacolare film d’animazione dello studio, co-diretto da Moore e  Ross Stewart.

L’anteprima di Wolfwalkers

Wolfwalkers, è stato presentato in anteprima al Toronto Int’l Film Festival ottenendo recensioni entusiastiche, è in streaming in tutto il mondo su Apple TV + questo autunno.

Il team di Wolfwalkers

Insieme ai co-registi Moore e Stewart , saranno presenti l’assistente direttore Mark Mullery, il disegnatore di personaggi Sandra Andersen, il direttore artistico Maria Pareja e il supervisore dell’animazione Svend Rothmann Bonde.

La storia di Wolfwalkers

Ambientato nella metà del XVII secolo, Wolfwalkers, segue le sorti del giovane cacciatore Robyn Goodfellow, mentre si unisce a suo padre in una missione per eliminare l’ultimo branco di lupi d’Irlanda. Unendo le forze con l’esuberante Mebh MacTire (Eva Whittaker), Robyn scopre presto che la sua nuova amica è un membro di un branco di lupi mannari mutaforma. Mentre approfondisce il loro mondo di superstizione e magia, Robyn rischia di diventare la preda della letale ricerca di suo padre.

Attingendo a piene mani dalle ricche e antiche leggende irlandesi, per il film Wolfwalkers Il team creativo si è ispirato alle leggende locali di Kilkenny, tra cui The Man-Wolves of Ossory.

I commenti degli autori

“Siamo stati ispirati da queste leggende della nostra località, che parlano dell’estinzione delle specie che è ancora tristemente rilevante oggi”, ha detto Moore. “La storia è stata influenzata anche da film sull’amicizia di formazione come Figlio di Rambow e, naturalmente, i temi di Principessa Mononoke erano anche molto rilevanti. ”

Ulteriore ispirazione è venuta dall’arte dei fumetti di Cyril Pedrosa ed Emily Hughes e dallo stile di animazione espressivo di La storia della Principessa Splendente.

I precedenti film di Cartoon Saloon includonohe Secret of Kells e Song of the Sea, entrambi hanno ricevuto nomination all’Oscar per il miglior film d’animazione. Come i suoi predecessori, Wolfwalkers presenta uno stile evocativo disegnato a mano notevolmente diverso da molti film d’animazione contemporanei.

“Crediamo di offrire qualcosa di senza tempo, lavorando con le tradizioni disegnate a mano”, ha detto Moore. “Possiamo attingere al ricco linguaggio visivo dell’illustrazione, in un modo in cui la CG non può, e spero che l’aspetto dei nostri film non invecchi come la CG, che è in continua evoluzione verso il realismo.”

Nella sua ricerca per ottenere un aspetto illustrativo classico, il team di Cartoon Saloon, cerca costantemente e nutre nuovi talenti.

“Ultimamente è diventato più difficile trovare artisti, grazie al successo del rinascimento disegnato a mano”, ha osservato Moore. “Klaus era in produzione nello stesso periodo in cui lo eravamo noi, così com’era Calamity, a Childhood of Martha Jane Cannary. Siamo finiti con una troupe più giovane, così come molti vecchi amici con cui avevamo lavorato prima in produzioni precedenti. Penso che questi giovani artisti siano essenziali per il mezzo. Molti di loro portano un nuovo approccio e possono facilmente incorporare tecniche classiche sfruttando al contempo l’efficienza e i miglioramenti della qualità offerti da TVPaint Animation e altri software 2D. ”

Le leggende irlandesi

Un racconto tradizionale di magia e superstizione, Wolfwalkers è ricco di elementi che stanno alla radice della narrazione.

“Penso che queste storie fungano da contenitori per la saggezza e la verità dei tempi passati”, ha osservato Moore. “Possiamo costantemente estrarli per sapere, che potremmo essere in pericolo di perderle nel mondo moderno. Penso che siano senza tempo in un certo senso, ma allo stesso tempo non preziosi o incastonati nella pietra. Queste storie possono essere raccontate da ogni generazione, con ogni nuovo narratore che aggiunge e sottrae tutto ciò che è necessario per parlare ai nostri tempi. È come una staffetta, passare un testimone dal passato all’oggi e poi nel futuro “.

“Siamo fortunati di poter godere del lavoro di narratori così meravigliosi come Cartoon Saloon”, ha affermato la direttrice della conferenza VIEW, la dott.ssa Maria Elena Gutierrez. “I loro film squisiti fanno luce sul folklore dimenticato, rendendo queste vecchie storie ancora una volta rilevanti, in un modo che illumina in modo meraviglioso e significativo le nostre vite moderne”.

Dai un’occhiata al programma completo della conferenza (finora) qui.

La VIEW Conference 2020 si svolgerà dal 18 al 23 ottobre presso la sede all’avanguardia delle OGR di Torino e virtualmente. Registrati e scopri di più su www.viewconference.it

Tomm Moore

Vai alla fonte dell’articolo

Print Friendly, PDF & Email