Tomm Moore in “Il ladro e il calzolaio”

Tomm Moore in “Il ladro e il calzolaio”
Sopra e sotto: “Il ladro e il calzolaio”.


Quando abbiamo iniziato Cartoon Saloon, eravamo così nerd che avremmo avuto Thief guardando le feste: beviamo e analizziamo le scene fotogramma per fotogramma. Il film non è strutturato in modo classico, o incentrato sul personaggio come i film Pixar in uscita in quel momento. La storia è più un gancio per una serie di pezzi elaborati, come Il libro della giungla o Yellow Submarine.

Il film sembrava una versione elaborata di alcuni dei film più artistici che ho amato dall’Est Europa, come il Racconti popolari ungheresi, che aveva un approccio simile (anche se meno elaborato) all’uso dell’arte popolare e tutte le strane idiosincrasie stilistiche di quegli stili nell’animazione. Sono rimasto colpito dal design e dall’approccio al linguaggio cinematografico come dall’animazione. Ho adorato il modo in cui giocava con le regole della prospettiva e l’approccio di Dick secondo cui qualsiasi cosa potesse essere disegnata poteva essere animata.

Anche Roy Naisbitt ha avuto una grande influenza lì. Ha effettivamente creato l’incredibile direzione artistica e i movimenti della cinepresa – una parte enorme di ciò che mi ha colpito.

Per me, il film sembrava una chiara direzione per l’animazione disegnata a mano di fronte al cgi – un modo per giocare ai punti di forza del naturale aspetto 2D e renderlo una caratteristica, non un bug. Avrei voluto che Dick l’avesse finito, piuttosto che continuare a lavorarci su uno standard follemente alto. Se fosse stato rilasciato prima che cgi diventasse un luogo comune, mi sarebbe piaciuto vedere come avrebbe cambiato la storia dell’animazione.

(Sopra e sotto) “Il segreto di Kells”.

Ho adorato il modo in cui Dick ha trasformato il suo studio in una specie di scuola, una specie di deposito di conoscenze di animatori dell’età dell’oro come Art Babbitt e Ken Harris. La sua ricerca dell’eccellenza senza paura e persistente è stata molto fonte di ispirazione per il mio io più giovane. Nel corso degli anni, ho sentito storie di un lato oscuro che suppongo fosse inevitabile con qualcuno così motivato. Spero di evitare gli errori che forse sono stati fatti in quanto ha lavorato sodo e il suo team. La produzione è stata anche una triste lezione nel poter sapere quando scendere a compromessi per ottenere qualcosa di finito.

Leggi l’articolo completo su www.cartoonbrew.com