Tsurubaya Productions vince la causa contro un film cinese non autorizzato su Ultraman

Tsurubaya Productions vince la causa contro un film cinese non autorizzato su Ultraman

Tsuburaya ha intentato causa contro la BlueArc nel 2018 per violazione del copyright di Ultraman


Ultraman società di produzione Tsuburaya Productions ha vinto la sua causa contro la società di produzione cinese BlueArc il 30 giugno. Il tribunale di Shanghai ha concesso danni a 38 milioni di yen (circa 354.900 USD) a Tsuburaya per violazione del copyright di BlueArc del personaggio di Tsuburaya Ultraman .

Tsuburaya ha intentato causa contro la società BlueArc di Guangzhou nel 2018 dopo che la società cinese ha prodotto il Dragon Force: So Long, Ultraman film in Cina nell’ottobre 2017. Il film è andato in scena per un mese. Il film usa il personaggio di Ultraman come un nemico che combatte contro un eroe robot cinese.

Tsuburaya ha affermato che il film è stato realizzato e pubblicizzato senza l’autorizzazione del detentore dei diritti giapponesi e ha cercato di interrompere la proiezione del film attraverso un’azione legale attraverso un tribunale di Shanghai nel settembre 2017. Tuttavia, BlueArc ha proseguito con l’apertura del film e Tsuburaya ha ritirato la causa. Tsuburaya ha quindi intentato un’altra causa nel febbraio 2018, sostenendo che la produzione, la pubblicità e la proiezione del film costituivano una violazione del copyright della proprietà di Ultraman

Tsurubaya Productions ha vinto un caso nel 2017 contro UM Corporation (UMC) per i diritti di licenza internazionale per Ultraman proprietà, dichiarando che la “Convenzione di concessione della licenza” del 1976 da cui UMC derivava la sua presunta licenza per la proprietà non era valida. La Corte d’appello degli Stati Uniti per il nono circuito confermata questi diritti lo scorso dicembre dopo che la UMC ha presentato una mozione per ribaltare il verdetto. La richiesta di licenza di BlueArc sulla proprietà si basava sullo stesso “Accordo di concessione della licenza”.

Fonte: NHK attraverso Hachima Kikō


Vai alla fonte originale