Un nuovo podcast rivela la storia non raccontata

Un nuovo podcast rivela la storia non raccontata


Gli intervistati americani ricordano l'esodo di massa di artisti e tecnici – 87 in tutto – dalla California a Dublino, dove hanno scoperto, con loro sgomento, che ha piovuto molto. Lì, hanno iniziato a formare artisti locali nell'animazione classica, adattando il corso di animazione dello Sheridan College canadese per il vicino Ballyfermot College. La gente del posto era entusiasta delle nuove opportunità di carriera – come un "biglietto Willy Wonka diretto all'animazione", come si dice.

Gli intervistati irlandesi riflettono sulla cultura del luogo di lavoro, sulla meticolosità dei loro insegnanti americani e sul comportamento "spavaldo" dello stesso Bluth. Discutono anche dell'esodo inverso che è accaduto dopo il crollo dello studio e Bluth e Goldman hanno fondato i Fox Animation Studios a Phoenix, in Arizona, spingendo molti colleghi di Dublino a trasferirsi con loro. Ora gli irlandesi si sono trovati in una terra di sole perpetuo e aria condizionata. Secondo un artista, hanno trascorso molto tempo a ubriacarsi e bramando la pioggia.

Le prospettive del personale al di sotto della linea rendono questo podcast una risorsa preziosa. L'episodio fornisce anche informazioni dettagliate sull'importanza di Sullivan Bluth per l'Irlanda e viceversa. Pomeroy sostiene che l'esodo in Irlanda ha informato i temi dell'immigrazione e della tolleranza nei film di Bluth. Nel frattempo, Gerry Shirren afferma che lo studio ha gettato le basi per il boom dell'industria dell'animazione in Irlanda oggi. È un'incarnazione di questo fatto: dopo aver iniziato come direttore di produzione presso Sullivan Bluth, ora è amministratore delegato di Cartoon Saloon.

Gli episodi precedenti della mini-serie in Irlanda riguardano argomenti tra cui le connessioni di Walt Disney con il paese e la carriera del pionieristico animatore Aidan Hickey. Il podcast, che esplora il tema della creatività in generale, ha già intervistato artisti come il fumettista Chris Ware e l'esecutore di Muppet Louise Gold.



Vai alla fonte dell’articolo