Il documentario animato “Being Human Is”: storie vere, difficili di successo

Il documentario animato “Being Human Is”: storie vere, difficili di successo

La società di produzione creativa Where the Buffalo Roam (WTBR) ha recentemente prodotto una docuserie animata chiamata Being Human Is (Essere umano è…), presentata su Android. Diretta da Nico Carbonaro e Tuesday McGowan, la serie di cinque episodi racconta le storie vere e stimolanti di persone reali provenienti da tutto il mondo, che hanno realizzato le loro passioni in modi inaspettati e come Android ha aiutato ciascuno di loro a realizzare i loro sogni diventati realtà.

La serie Being Human Is (Essere umano è…) è stata pubblicata oggi, 18 novembre, su www.android.com/stories, YouTube e sui canali social.

“Questa campagna dà una svolta entusiasmante sia ai contenuti di marca che alla narrazione di documentari”, osserva Carbonaro. “Mi piace definirli ‘favole documentarie’, poiché ogni film ha un’atmosfera magica da libro di fiabe eppure è radicato nelle persone reali e nelle loro parole ed esperienze. Nella serie Being Human Is (Essere umano è…), non stavamo solo raccontando queste storie straordinarie, lo stavamo facendo in un modo che non avrebbe mai potuto essere fatto in live action. ”

Sul ghiaccio silenzioso

Immergere gli spettatori nell’esperienza sensoriale di un giocatore di hockey sordo, “On Silent Ice” racconta la storia di Anthony Rumolo e della sua missione di promuovere lo sport per atleti come lui attraverso la Ontario Deaf Hockey Association. Animazione e illustrazione di Odd Fellows (Portland, OR).

Nel “Na Cor”, L’insegnante d’arte brasiliana Mariluce Maria Souza ispira i bambini del posto a dipingere la loro esperienza di casa e condividerla con le folle di turisti che ogni anno visitano la favela più grande di Rio. Animazione di Giant Ant (Vancouver, BC). Illustrazione di Tracey Lee (San Francisco, CA).

“Ramblin’ Man “ profili Josh Pearson, un artista blues che si rifiuta di lasciare che la sua cecità gli impedisca di scrivere musica e di esibirsi per il pubblico degli Stati Uniti. Animazione di Meister (Portland, OR). Illustrazione di Keith Negley (Bellingham, WA).

“The Magic Makers” è la piacevole storia di Raymond Yusuff, un ragazzino nigeriano di una piccola città diventato un astro nascente, come filmmaker per smartphone. Animazione di Where the Buffalo Roam (Oakland, CA). Illustrazione di Leonard Dupond (Lille, Francia).

Nel “Chez Elyse” apprendiamo come la chef Elyse Bezuidenhout abbia perso inaspettatamente la maggior parte della vista, durante la notte. Il viaggio di cinque anni per riacquistare il senso di sé, che ne è seguito mentre padroneggiava il suo mestiere e la sua passione in cucina a un nuovo livello. Animazione di Odd Fellows (Portland, OR). Illustrazione di Emiliano Ponzi (Milano, Italia).

Na Cor

Na Cor

Combinando l’esperienza di Carbonaro nella produzione di documentari con il design e l’abilità di animazione di McGowan, Where the Buffalo Roam (WTBR) ha intrapreso il progetto con una visione per creare storie documentarie più grandi della vita con un’estetica animata che celebra gli eroi come vedono se stessi. Per raggiungere questo obiettivo, si sono rivolti a una fonte di ispirazione inaspettata ma adeguata: il giornalismo. Con un focus su storie umane sfumate, simili a programmi radiofonici come This American Life, il team ha lavorato con acclamati produttori radiofonici per scolpire ogni episodio in formato audio, che ha informato ogni decisione creativa che andava avanti.

Ugualmente ispirato agli stili di illustrazione classici del New Yorker e il New York Times, WTBR ha assunto rinomati illustratori editoriali del mondo del giornalismo stampato per dare vita a ogni storia. Nel processo, hanno implementato un mash-up di stili di illustrazione e tecniche di animazione, dalle risorse digitali e disegnate a mano alle animazioni 2D, 3D e cel.

Ramblin 'Man

Ramblin ’Man

“Questi film dovevano essere ricchi, evocativi e risuonare dal cuore, quindi l’autenticità ha giocato un ruolo importante nello sviluppo dello stile visivo di ogni film”, afferma McGowan. “Dovevamo essere consapevoli che avevamo a che fare con persone reali e rispettare l’essenza di ciò che sono. Siamo stati senza paura nel nostro approccio, abbracciando astrazione, simbolismo, metafora e narrazione non lineare per creare animazioni fantastiche che collegano saggistica e realismo magico “.

WTBR ha coinvolto un team di compositori e sound designer, guidati da JR Narrows di Space Lute, per dimensionare ogni storia con paesaggi sonori sfumati. Ciò includeva una composizione originale eseguita da un’orchestra di 53 elementi a Budapest.

WTBR ha anche concepito il marchio e la denominazione di Essere umano è, inclusa la sequenza del titolo di apertura, che è personalizzata per ogni titolo con “uova di Pasqua” visive e sonore per presentare la storia unica di ogni partecipante.

L'uomo magico

L’uomo magico

Prodotto durante la pandemia, Being Human Is (Essere umano è…) ha riunito centinaia di artisti e aziende creative in quattro continenti e sette fusi orari.

“Anche se abbiamo dovuto adattarci a un modo completamente nuovo di creare e collaborare durante la pandemia, abbiamo condiviso molto amore e cameratismo attorno a questo progetto per sei mesi della nostra vita”, dice Carbonaro. “Allo stesso tempo, la natura remota di questo progetto ci ha permesso di riunire talenti da tutto il mondo; inoltre, l’isolamento ha creato un senso di autonomia per tutti gli artisti coinvolti, che ha portato ognuno a portare avanti il ​​proprio lavoro migliore. Ci siamo tutti nutriti delle reciproche idee e istinti poiché la creatività continuava a evolversi organicamente e in meglio “.

“Siamo grati che il team di Android ci abbia affidato la realizzazione della visione per questa docuserie e onoriamo queste incredibili storie personali con un nuovo approccio ai contenuti brandizzati e alla realizzazione di film”, conclude Tim Pries, co-fondatore / produttore esecutivo di WTBR. “Per fortuna, abbiamo avuto un Voltron creativo per farcela.”

wtbr.tv

Chez Elys

Chez Elys

Vai alla fonte dell’articolo

Print Friendly, PDF & Email