Dumbo – Il film di animazione Disney del 1941

Dumbo – Il film di animazione Disney del 1941

Dumbo è un film di animazione fantastico del 1941 prodotto da Walt Disney Productions e distribuito da RKO Radio Pictures . Dumbo è il quarto lungometraggio d’animazione Disney , ed è basato sul libro per ragazzi scritto da Helen Aberson e Harold Pearl e illustrato da Helen Durney per il prototipo di un nuovo giocattolo (“Roll-a-Book”). Il personaggio principale è Jumbo Jr., un piccolo elefante che alla sua nascita viene crudelmente soprannominato “Dumbo”, come in “stupido”. Viene ridicolizzato per le sue grandi orecchie, ma in realtà è capace di volare usandole come ali. Per la maggior parte del film, il suo unico vero amico, a parte sua madre, è il topo, Timothy, una parodia della stereotipo che vede topi ed elefanti dei nemici naturali.

Realizzato per recuperare le perdite finanziarie sia di Pinocchio che di Fantasia , Dumbo era una deliberata ricerca di semplicità ed economia per gli studi Disney. A 64 minuti, è uno dei film d’animazione più brevi della Disney. Il suono è stato registrato in modo convenzionale utilizzando il sistema RCA . Una voce è stata sintetizzata utilizzando il sistema Sonovox , ma anch’essa è stata registrata utilizzando il sistema RCA.

Dumbo è uscito nei cinema americani il 23 ottobre 1941, dove ricevette recensioni generalmente favorevoli. Tuttavia, è stato anche criticato per gli stereotipi razzisti sugli afro americani. Nel 2017, il film è stato selezionato per la conservazione nel National Film Registry degli Stati Uniti dalla Library of Congress come “culturalmente, storicamente ed esteticamente significativo”.

Un adattamento live-action del film diretto da Tim Burton è uscito al cinema il 29 marzo 2019, sebbene non abbia avuto successo né di critica né commerciale.

La storia

Dumbo e la signora Jumbo

È la fine dell’inverno e le cicogne consegnano i nuovi bambini agli abitanti del circo nel suo quartiere invernale in Florida. Tutte le madri ricevono i loro pacchi tranne un elefantessa, la signora Jumbo. Ma dopo la partenza del circo, una cicogna perduta gli porta un elefante che, per la sorpresa generale, è caratterizzato da due enormi orecchie . Diventa oggetto di scherno di tutte le altre elefantesse, viene subito soprannominato “Dumbo” (dumb in inglese significa stupido) .

La signora Jumbo cerca di rimanere dignitosa, circondando il suo bambino con tutto il suo amore materno. Tuttavia, quando una manciata di ragazzini maleducati schernisce ancora una volta Dumbo, sua madre che è sconvolta, incapace di affrontare la malvagità permanente di cui il suo piccolo è la vittima, ne prende uno con la sua proboscide e gli dà una sculacciata. Pagherà caro il suo gesto in quanto il sigr. Loyal, dopo averla frustata, la incatenata e rinchiude in una gabbia. Considerato un “diverso” dagli altri membri della troupe, Dumbo è ora solo. Fortunatamente lo scaltro topo Timothy lo consola e decide di farlo diventare una vera star del circo.

Timothy

Timothy prova a eseguire diversi numeri circensi con Dumbo ma tutti falliscono: mentre Dumbo deve saltare su un trampolino per atterrare in cima a una piramide di elefanti in equilibrio su una palla, inciampa nelle sue orecchie e rotolando finisce per colpire la palla che sosteneva la piramide, che crolla trascinando con se tutto il tendone del circo. Nella città vicina, il direttore del circo decide di fare di Dumbo un pagliaccio, con grave vergogna e imbarazzo degli altri elefanti.

Lo spettacolo raccoglie un grande successo, e i pagliacci fanno festa dopo lo spettacolo. Timothy intanto, approffitando dell’euforia generale, porta il piccolo Dumbo a vedere la sua madre imprigionata all’interno di un carrozzone. Non possono vedersi, ma resta loro solo l’abbraccio delle loro proboscidi. Per confortare Dumbo che continua a piangere e singhiozzare, Timothy lo porta a bere in una ciotola, dove uno dei pagliacci ha inavvertitamente versato una bottiglia di champagne. L’alcol fa presto effetto sia sull’elefante che il topolino, così i due amici hanno visioni onirioche e psichedeliche, tra cui la passeggiata degli elefanti rosa e molte altre improbabili allucinazioni.

Il mattino dopo, i due compagni sono svegliati dal loro sonno da una banda di corvi, che sono stupiti di trovare un elefante sui rami più alti di un albero. Passato lo stupore, Timothy capisce che Dumbo è riuscito a volare fino a lassù, grazie alle sue grandi orecchie. Cerca di persuaderlo a usare questo dono, sostenuto dal capo dei corvi che, dopo essere stato messo al suo posto da Timothy, offre al giovane elefante una delle sue penne convincendolo che abbia potere magico di farlo volare . Il duo sale dalla cima di una scogliera e l’incredibile succede: Dumbo sa come volare.

Dumbo

Tornato al circo, Dumbo è pronto per il suo numero di clown. Ma grazie alla penna, Timothy propone di trasformare il numero in uno spettacolo volante. Mentre apre le orecchie, l’elefantino perde la penna e va in panico. Timothy gli confessa che era solo un pretesto e che non ne aveva bisogno della piuma per volare; gli basta fidarsi di se stesso. Di fronte agli spettatori sbalorditi, l’elefante si alza in volo come un aereo, schizzando gli increduli pagliacci. Il numero dell’ elefante volante è un grande successo. In compagnia di Timothy e sua madre, finalmente libera, Dumbo diventa la nuova stella del circo.

E’ la storia commovente di Dumbo, l’elefantino dalle grandi orecchie, figlio dell’elefantessa Jumbo. Dumbo viene subito deriso e umiliato sia dalle elefantesse del circo, che dal personale del circo per via delle sue orecchie che inizialmente gli causano un mare di guai. Sua madre per proteggerlo si ribellerà a questa situazione, ma verrà rinchiusa e separata dal suo cucciolo.

Dumbo, trova nell’allegro topolino Timoteo l’unico amico che riuscirà a capire che il suo grande problema è anche il suo più grande talento. Con un pizzico di fortuna, tanta determinazione e un eccezionale coraggio, Dumbo impara a librarsi nell’aria, diventando l’attrazione volante del circo. Il film ha momenti creativi di grande interesse, come il sogno di Dumbo , uno dei brani più singolari dal gusto quasi surreale. Tra le bolle di sapone Dumbo vede miriadi di elefanti dai più svariati colori che compongono una meravigliosa “Silly Symphony”. Dumbo è uno dei film più amati fra quelli creati da Walt Disney e fu vincitore del premio Oscar per la migliore colonna sonora.

Dumbo è il quinto lungometraggio animato e il quarto “Animation Classic” dei Disney Studios, uscito negli Stati Uniti nell’ottobre del 1941. È basato sull’omonimo racconto scritto da Helen Aberson e illustrato da Harold Pearl, pubblicato nel 1939.

Produzione

La produzione di questo film aveva lo scopo di compensare gli scarsi incassi di Pinocchio e Fantasia, entrambi usciti nel 1940. Lo scenario originale, vicino a una versione di Ugly Duck ma con un pachiderma, è stato sviluppato da Joe Grant e Dick Huemer per diventare un film di 64 minuti, uno dei cortometraggi più corti dei Disney Studios. Nonostante la sua brevità e i numerosi risparmi ottenuti durante la sua produzione, il film è diventato uno dei film preferiti del pubblico grazie alla sua storia semplice ma commovente.

Dal punto di vista della Disney, Dumbo non ha richiesto nessuno degli effetti speciali che avevano rallentato la produzione e aumentato i budget di Pinocchio , Fantasia e Bambi . Quando il film entrò in produzione all’inizio del 1941, il regista supervisore Ben Sharpsteen ricevette l’ordine di mantenere il film semplice e poco costoso. Di conseguenza, il design dei personaggi è più semplice, i dipinti di sfondo sono meno dettagliati e nell’animazione dei personaggi sono stati utilizzati un certo numero di cel (o frame) trattenuti . Sebbene il film sia più “fumettistico” dei precedenti film Disney, gli animatori hanno portato in studio elefanti e altri animali per studiarne i movimenti.

La pittura ad acquerello è stata utilizzata per rendere gli sfondi. Dumbo è uno dei pochi lungometraggi Disney a utilizzare la tecnica, utilizzata anche per Biancaneve e i sette nani e regolarmente impiegata per i vari cortometraggi dei cartoni animati Disney. Gli altri film Disney usavano colori ad olio e gouache . Anche Lilo & Stitch del 2002 , che ha tratto influenze da Dumbo , ha utilizzato sfondi ad acquerello .

Dati tecnici

Titolo originale Dumbo
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d’America
Anno 1941
Durata 64 min
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, musicale, drammatico, fantastico
Regia Regista Supervisore: Ben Sharpsteen
Registi sequenze: Norman Ferguson, Wilfred Jackson, Bill Roberts, Jack Kinney, Samuel Armstrong
Soggetto Helen Aberson, Harold Pearl
Sceneggiatura Joe Grant, Dick Huemer, Otto Englander, Bill Peet, Aurelius Battaglia, Joe Rinaldi, George Stallings, Webb Smith
Produttore Walt Disney
Casa di produzione Walt Disney Productions
Distribuzione in italiano RKO Radio Pictures
Musiche Frank Churchill, Oliver Wallace
Art director Herb Ryman, Ken O’Connor, Terrell Stapp, Don DaGradi, Al Zinnen, Ernie Nordli, Dick Kelsey, Charles Payzant
Character design John P. Miller, Martin Provensen, John Walbridge, Jim Brodrero, Maurice Noble, Elmer Plummer
Animatori Bill Tytla, Fred Moore, Ward Kimball, John Lounsbery, Art Babbitt, Wolfgang Reitherman, Frank Thomas, Hugh Fraser, Harvey Toombs, Milt Neil, Hicks Lokey, Howard Swift, Don Towsley, Les Clark, Claude Smith, Bill Justice, Paul Fitzpatrick, Ed Parks, Art Stevens, Bernie Wolf, Jack Campbell, Walt Kelly, Don Patterson, Cy Young, Ray Patterson, Grant Simmons, Josh Meador, Bill Shull, Art Palmer
Sfondi Art Riley, Dick Anthony, Al Dempster, Claude Coats, John Hench, Gerald Nevius, Ray Lockrem, Joe Stahley

Doppiatori originali
Edward Brophy: Timoteo
Verna Felton: Elefantessa matriarca, signora Jumbo
Herman Bing: direttore del circo
Margaret Wright: Casimiro
Sterling Holloway: Cicogna
Cliff Edwards: Jim / Dandy Crow
Hall Johnson Choir: Coro dei corvi
Noreen Gammill: Catty
Dorothy Scott: Giddy
Sarah Selby: Prissy
Malcolm Hutton: Skinny
John McLeish: Narratore
Billy Bletcher: Clown 1
James Baskett: Fats Crow
Jim Carmichael: Dopey Crow
Eddie Holden: Clown 2
Harold Manley: Ragazzo 1
Tony Neil: Ragazzo 2
Billy Sheets: Clown 3, Joe
Hall Johnson: Deacon Crow
Nick Stewart: Specks Crow
Chuck Stubbs: Ragazzo 3

Doppiatori italiani
Stefano Sibaldi: Timoteo
Lola Braccini: Elefantessa matriarca
Giusi Raspani Dandolo: signora Jumbo
Mario Gallina: direttore del circo
Mauro Zambuto: Cicogna, Clown 1
Lauro Gazzolo: Jim / Dandy Crow
Quartetto Cetra: Coro dei corvi
Laura Carli: Catty
Wanda Tettoni: Giddy
Zoe Incrocci: Prissy
Vittorio Stagni: Skinny
Mario Besesti: Narratore
Luigi Pavese: Clown
Mario Corte: Specks Crow
Olinto Cristina: Deacon Crow
Gianni Mazzanti: Dopey Crow
Cesare Polacco: Fats Crow

Altri links di Dumbo


Disegni da colorare di Dumbo
Giocattoli di Dumbo
Dumbo Live-Action di Tim Burton