Le cinque vite di Cheetah, il nemico più letale di Wonder Woman

Le cinque vite di Cheetah, il nemico più letale di Wonder Woman

Si dice che se vuoi davvero conoscere il carattere di una persona, dovresti guardare per vedere chi sono i suoi nemici. E di tutti i cattivi nella vasta collezione di Wonder Woman, nessuno di loro è stato persistente come quel felino criminale noto come Cheetah. Considerando i molti dei, streghe e scienziati pazzi che si sono opposti al Campione delle Amazzoni nel corso degli anni, non è irragionevole chiedersi come esattamente questo agente arancione del male sia rimasto in prima linea dal 1943.

La risposta è semplice: understudies.

Giusto. Nel corso dei decenni, ci sono stati cinque criminali completamente diversi che si sono opposti alla nostra principessa guerriera sotto il nome di “Cheetah”. Ma chi sono e come distinguerli? E qual è il “vero” Cheetah? Come parte della settimana dei supercriminali qui sulla strada per DC FanDome, abbiamo pensato di mettere insieme una pratica guida sul campo per avvistare i ghepardi allo stato brado.

Priscilla Ricca

Prima apparizione: Wonder Woman #6 (1943)

L’originale Cheetah è ancora la più longeva a detenere il titolo, o almeno lo sarà per qualche altro anno. Priscilla era una ricca persona mondana, in cerca di emozioni forti, amata da tutti per la sua bellezza e il suo fascino. Soffriva anche di due problemi principali: una serie di gelosia rovente e un grave caso di disturbo dissociativo dell’identità. Quando Wonder Woman ha fatto il suo debutto nel mondo degli uomini ed è diventato il discorso della stagione, Rich è diventata così furibonda che ha sviluppato un personaggio da supercriminale per sbarazzarsi di lei.

Come individuare: Il viso è il regalo. Priscilla indossa una tuta intera, ma tiene il viso scoperto.

Deborah Domaine

Prima apparizione: Wonder Woman #274 (1980)

“Debbi” Domaine era la nipote dell’originale Cheetah, cresciuta nel lusso da Priscilla dopo che si era ritirata dalla sua carriera da supercriminale. Gli sforzi di Debbi da giovane donna erano molto più nobili di quelli di sua zia, dedicandosi a opere e cause di beneficenza. Fino a quando, cioè, il culto terrorista internazionale di Kobra ha rapito e fatto il lavaggio del cervello all’ereditiera per farla diventare un ghepardo tutto loro.

Come individuare: Come sua zia Priss, a Debbi piace tenere il viso scoperto, ma sfoggia l’abbellimento di una profonda scollatura. Non per biasimarla… può diventare piuttosto sudato in quelle tute. (Perché pensi che Selina Kyle abbia iniziato a ritagliare i buchi delle ascelle?)

Barbara Ann Minerva

Prima apparizione: Wonder Woman #7 (1987)

Mentre Priscilla Rich potrebbe essere il ghepardo più longevo, Barbara Ann Minerva è senza dubbio la più famosa. La terza donna a detenere il titolo, Barbara Ann è stata la prima Cheetah ad apparire dopo che il titolo è stato riavviato in Crisi sulle Terre Infinite, e fino ad oggi, rimane l’incarnazione più frequente del personaggio. Durante i New 52, ​​”Priscilla Rich” e “Deborah Domaine” sono state persino ricollegate come identità alternative utilizzate dalla stessa Barbara Ann. E, naturalmente, è stata la signora Minerva a essere stata portata in vita in modo memorabile da Kristen Wiig nel Wonder Woman 1984.

Una volta un’archeologa brillante e audace con un futuro promettente, Barbara Ann ha avuto un brutto affare con un antico dio delle piante africane – Urzkartaga, lo conosci – ed è stata trasformata in Cheetah, la sposa e la serva di Urzkartaga nel mondo mortale. La sua prima missione: ottenere il lazo di Wonder Woman. Da allora Diana e Barbara si sono scontrate con gli scopi. Ma come per tanti nemici di Diana, il vero obiettivo di Wonder Woman non è sconfiggere Cheetah, ma redimerlo.

Come individuare: Non è un costume. Se la faccia di Cheetah è sfocata come il resto di lei, allora abbiamo a che fare con la signora Minerva.

Sebastian Ballesteros

Prima apparizione: Wonder Woman #170 (2001)

A parte Cheetah, forse la malvagia più irritante nella storia di Wonder Woman è la maga Circe, la strega del mito antico con una mossa caratteristica di trasformare soggetti umani nei suoi stessi schiavi ibridi animali. Uno di questi servitori era Sebastian Ballesteros, un magnate degli affari argentino, che ha preso una breve svolta nell’assumere il mantello del ghepardo per se stesso. Ha anche fatto appello allo sciovinismo di Urzkartaga per un po’, sostenendo che un agente maschio sarebbe un rappresentante più adatto del suo potere. Ma Barbara Ann ha ucciso questo pazzo nel 2004 per averle rubato il gioco e da allora non è più tornato.

Come individuare: È un tipo.

Cheetah, agente di Morrigan

Prima apparizione: Wonder Woman #606 (2010)

Per commemorare il 600° numero di Wonder Woman (quando tutti i suoi titoli numerati fino ad allora erano stati sommati), e solo pochi mesi prima del riavvio a livello di linea del New 52, ​​lo scrittore J. Michael Straczynski ha cambiato l’intera storia di Diana, quindi niente era come sembrava. In questa nuova realtà, Cheetah era un guerriero amazzone senza nome che fu resuscitato dai morti e infuso di un antico spirito dai Morrigan, una congrega che cercava di eliminare tutte le amazzoni dal mondo, a cominciare da Diana.

Come individuare: Wonder Woman indossa i pantaloni? Allora questo è Morrigan Cheetah.

Bene, sono cinque vite in meno e quattro da morire, se si deve credere alla vecchia leggenda del gatto. Con quasi ottant’anni di storia già sotto la pelliccia del ghepardo, potrebbe volerci del tempo prima di vederli tutti in azione. Ma non importa quale forma assuma, puoi stare certo che Wonder Woman sarà sempre quella che reclamerà la vittoria.

Dopotutto… i ghepardi non prosperano mai.

DC FanDome ritorna il 16 ottobre 2021! Per altri articoli come questo e per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità, visita dcfandome.com.

Alex Jaffe è l’autore della nostra rubrica mensile “Fai la domanda” e scrive di TV, film, fumetti e storia dei supereroi per DCComics.com. Seguilo su Twitter su @AlexJaffe e trovalo nella comunità DC come HubCityQuestion.

Vai alla fonte dell’articolo su https://www.dccomics.com