Saetta McQueen – Il protagonista di Cars

Saetta McQueen – Il protagonista di Cars

Montgomery “Saetta” McQueen è il protagonista dei film di animazione Cars della Pixar Cars. Saetta McQueen è un’auto di serie antropomorfa immaginaria e le sue apparizioni includono i film Cars , Cars 2 e Cars 3 , così come nelle serie TV Cars Toons e Cars on the Road . McQueen è un personaggio giocabile in ciascuna delle puntate del videogioco Cars , così come in altri videogiochi Disney/Pixar. McQueen è il volto del marchio Cars ed è una mascotte popolare per la Disney.

Saetta McQueen è un pilota professionista nel circuito della Piston Cup, che emula la NASCAR Cup Series , e ottiene sette vittorie nella Piston Cup durante la sua carriera. In Cars 2 , gareggia nel World Grand Prix di breve durata. Alla fine di Cars 3 assume il ruolo di mentore per una nuova generazione di piloti.

Nei film, Saetta McQueen è sponsorizzato da Rust-eze Medicated Bumper Ointment e indossa le loro decalcomanie. La sua carrozzeria è rossa con decalcomanie gialle e arancioni, mostra il numero 95 sui lati e ha gli occhi azzurri. Il suo aspetto subisce aggiornamenti attraverso i film, ma generalmente mantiene la stessa immagine. Saetta McQueen ha una breve apparizione senza vernice o decalcomanie in Cars 3 .

La storia del personaggio

Durante le ricerche iniziali per il primo film, John Lasseter ha incontrato i progettisti della General Motors per discutere del nuovo design della Corvette. Tuttavia, l’aspetto di Saetta McQueen non è attribuito a nessun singolo modello di auto.

“È il nuovo debuttante, è piuttosto sexy, è veloce, è diverso. Quindi ha inventato. Abbiamo preso il meglio delle nostre cose preferite, dalle GT40 alle Charger … solo abbozzandole, abbiamo realizzato l’aspetto di McQueen”.

—  Bob Pauley, uno dei due scenografi di Cars
Per creare un personaggio arrogante ma simpatico per McQueen, la Pixar ha guardato personaggi dello sport come il pugile Muhammad Ali , il giocatore di basket Charles Barkley e il quarterback del football Joe Namath , così come il cantante rap e rock Kid Rock .

“Per le altre auto da corsa, abbiamo esaminato come guidano le auto da corsa. Per McQueen, abbiamo guardato i surfisti e gli snowboarder e Michael Jordan , questi atleti veramente grandi e la bellezza di come si muovono. Guardi Jordan nel suo periodo di massimo splendore contro ogni altro giocatore, sta giocando un gioco diverso. Volevamo avere lo stesso tipo di sensazione, in modo che quando parlano di ‘la sensazione da principiante’, vedi che è davvero dotato.

—  James Ford Murphy, animatore alla regia di Cars .
Il risultato finale è un personaggio che, nonostante l’approccio solitamente meticoloso alla “verità al materiale” in cui l’animazione di ogni auto è meccanicamente coerente con le capacità del rispettivo modello, può occasionalmente infrangere le regole per muoversi più come un atleta che come un’automobile.

Saetta McQueen non prende il nome dall’attore e pilota Steve McQueen , ma dall’animatore della Pixar Glenn McQueen , morto nel 2002.

Il design di Saetta McQueen è principalmente ispirato e basato su varie auto NASCAR di quarta generazione ; tuttavia, ha un corpo sinuoso come quello della Plymouth Superbird e della Dodge Charger Daytona . I tubi di scarico provengono dalla Dodge Charger degli anni ’70 , ma con quattro (due per lato) anziché due su un lato o uno su entrambi i lati.

Il suo corpo prende spunto dalla forma della Ford GT40 e della Lola T70 , insieme ai suggerimenti della cabina di una Porsche 911 degli anni ’90 . Il suo numero era originariamente impostato su 57, un riferimento all’anno di nascita di John Lasseter , ma è stato cambiato in 95, riferendosi all’anno di uscita del primo film della Pixar Toy Story . I suoni del motore di McQueen emulano una Gen 4 in Cars , un misto di una Gen 5 COT e la Chevrolet Corvette C6.R in Cars 2 , e una Gen 6 in Cars 3

Saetta McQueen nel film Cars del 2006

Saetta McQueen nel film Cars del 2006

Saetta McQueen è un pilota alle prime armi nella serie Piston Cup e disdegna segretamente il suo sponsor Rust-eze, sperando di essere scelto dal più prestigioso team Dinoco. McQueen è ritratto come ingrato, odioso, egoista e sarcastico. Sulla strada per Los Angeles per una gara decisiva, McQueen inizia a rendersi conto di non avere veri amici. Dopo un incontro con un quartetto di auto tuner, McQueen viene separato dal suo camion da trasporto, Mack, e finisce per perdersi a Radiator Springs, una città dimenticata lungo la US Route 66 . Presto viene arrestato e sequestrato lì.

A Radiator Springs, il giudice locale Doc Hudson , Sally e gli altri cittadini votano per far ripavimentare a McQueen la strada che ha distrutto come punizione . Si precipita e all’inizio non lo fa correttamente prima di accettare con riluttanza l’aiuto di Hudson. Nel frattempo, McQueen viene a conoscenza della storia di Radiator Springs e inizia a relazionarsi con i suoi abitanti. McQueen fa amicizia con un carro attrezzi di nome Tow Mater e si innamora di Sally. Durante la sua permanenza in città, McQueen inizia a prendersi cura degli altri piuttosto che solo di se stesso. Impara anche una svolta esperta da Hudson e alcune mosse non ortodosse da Cricchetto, che poi usa nella gara di spareggio.

Durante l’ultimo giro della gara, McQueen assiste a una caduta dietro di lui e perde la vittoria per aiutare Weathers a finire la gara. McQueen è comunque elogiato per la sua sportività, tanto che il proprietario della squadra corse Dinoco Tex si offre di assumerlo per succedere a Weathers. McQueen rifiuta, scegliendo invece di restare con i suoi sponsor Rust-eze per essere riuscito a portarlo dov’era. Tex rispetta la sua decisione e si offre invece di fargli un favore ogni volta che ne avrà bisogno. McQueen usa il favore per un giro sull’elicottero Dinoco per Cricchetto, realizzando il sogno di Cricchetto.

McQueen torna a Radiator Springs per stabilire il suo quartier generale delle corse. Riprende la sua relazione con Sally e diventa allievo di Hudson.

Saetta McQueen nel film Cars 2 del 2011

Saetta McQueen nel film Cars 2 del 2011

Cinque anni dopo gli eventi del primo film, McQueen, ora quattro volte campione della Piston Cup, torna a Radiator Springs per trascorrere la bassa stagione con i suoi amici. La tregua di McQueen viene interrotta quando viene invitato a partecipare al World Grand Prix inaugurale, sponsorizzato dall’ex magnate del petrolio Miles Axelrod, che spera di promuovere il suo nuovo biocarburante, Allinol.

A una festa pre-gara a Tokyo , in Giappone , McQueen è imbarazzato da Cricchetto e si rammarica di averlo portato con sé. Dopo aver perso la prima gara a causa del coinvolgimento di Cricchetto con le spie Finn McMissile e Holley Shiftwell (di cui McQueen non era a conoscenza), McQueen si scaglia contro di lui e gli dice che non vuole più il suo aiuto, costringendolo ad andarsene. Successivamente, McQueen vince la seconda gara a Porto Corsa, in Italia . Tuttavia, più auto sono state danneggiate durante la gara, provocando polemiche e crescenti timori per la sicurezza di Allinol. In risposta, Axelrod decide di rimuovere Allinol come requisito per la gara finale di Londra . McQueen sceglie di continuare con Allinol, mettendosi inconsapevolmente in pericolo.

Durante la gara di Londra, McQueen vede Mater e si scusa per il suo sfogo a Tokyo. Quando McQueen gli si avvicina, Cricchetto si allontana a causa di una bomba piazzata nel suo vano motore che esploderà se McQueen si avvicina troppo. Fuori dalla portata del telecomando del detonatore, McQueen raggiunge e si rende conto che la missione di spionaggio era reale.

McQueen va con Mater e le spie per affrontare Axelrod, che in seguito si scopre essere la mente dietro il complotto, e costringerlo a disarmare la bomba. Dopo l’arresto di Axlerod e dei suoi compagni, McQueen dichiara felicemente che Mater può venire a tutte le gare d’ora in poi se vuole. Di ritorno a Radiator Springs, viene rivelato che la fornitura di Allinol di McQueen è stata scambiata con il carburante organico di Fillmore da Sarge prima dell’inizio del Gran Premio mondiale, proteggendo così McQueen dal pericolo durante la gara di Londra.

Lo schema di pittura di McQueen in questo film è quasi identico al primo film (il suo grande fulmine è ridipinto di rosso scuro, e un bullone più piccolo è infilato attraverso il suo numero e ha solo tre adesivi dello sponsor su entrambi i lati), sebbene sia modificato per il World Grand Prix con fiamme colorate di verde all’estremità del suo grande bullone e un logo Piston Cup sul cofano invece del suo solito sponsor Rust-eze. Le sue decalcomanie con fulmini riflettenti vengono rimosse, ha uno spoiler diverso e i suoi fari e fanali posteriori adesivi vengono sostituiti con luci di lavoro effettive.

Saetta McQueen nel film Cars 3 del 2017

Saetta McQueen nel film Cars 3 del 2017

Cinque anni dopo gli eventi del secondo film, McQueen, ora sette volte campione della Piston Cup e leggenda delle corse, gareggia nella serie con i suoi amici di lunga data, Cal Weathers e Bobby Swift . Appare il pilota alle prime armi high-tech Jackson Storm e inizia a vincere gara dopo gara. McQueen si spinge troppo oltre mentre cerca di competere con Storm nell’ultima gara della stagione, ferendosi gravemente in un pericoloso incidente. Dopo essersi ripreso, McQueen si allena con Cruz Ramirez durante la bassa stagione nella speranza di battere Storm. Il nuovo sponsor di McQueen, Sterlinggli dice che dovrà ritirarsi se perde la sua prossima gara, dove Sterling ha intenzione di trarre profitto dalla merce per il pensionamento di McQueen.

Dopo diversi tentativi falliti di addestramento, McQueen decide di cercare il vecchio capo dei box di Hudson, Smokey , e alla fine lo incontra al Thomasville Motor Speedway, in quelle che sembrano essere le Great Smoky Mountains . Completando questo addestramento, McQueen corre per la prima metà della Florida 500, con Smokey come caposquadra, prima di ritirarsi e dare a Cruz una possibilità di celebrità, con lui come caposquadra. Cruz e McQueen condividono la vittoria grazie a Lightning che ha iniziato la gara e la coppia riceve una sponsorizzazione con il marchio Dinoco-Rust-eze unito. McQueen abbraccia il ruolo di mentore per i giovani talenti, con Cruz come suo allievo.

Ritorna al tipo di corpo che aveva nel primo film, ma il lavoro di verniciatura presenta un incrocio tra i fulmini visti nel primo film e le fiamme viste nel secondo film. I bulloni sono in tinta unita anziché mezzitoni, i loghi Rust-eze sono stati ingranditi e ha meno adesivi degli sponsor rispetto al primo film. Sfoggia anche un secondo schema di verniciatura prima del suo incidente (con una vernice rossa leggermente desaturata, una versione modernizzata del logo Rust-eze e diversi fulmini), un terzo lavoro di verniciatura “di allenamento” in cui è rosso più scuro con giallo metallizzato accenti e un quarto lavoro di verniciatura “demolition derby” in cui è tutto marrone fango e numerato 15. Alla fine del film, McQueen è addobbato con un lavoro di verniciatura blu “Fabulous Lightning McQueen” che ricorda quello di Hudson.

Dati tecnici

Nome originale Montgomery Lightning McQueen
Lingua originale Inglese
Autore John Lasseter
Studio The Walt Disney Company, Pixar Animation Studios
1ª apparizione in Cars – Motori ruggenti
Voce originale Owen Wilson
Voce italiana Massimiliano Manfredi
Luogo di nascita Stati Uniti d’America
Data di nascita 1986

Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Lihtning_McQueen