Charlie – Anche i cani vanno in paradiso – Il film di animazione

Charlie – Anche i cani vanno in paradiso – Il film di animazione

Charlie – Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven nell’originale americano) è un film di animazione sul genere avventura, commedia, fantastico e  musicale del 1989, diretto da Don Bluth e co-diretto da Gary Goldman e Dan Kuenster .  Il film racconta la storia di Charlie B. Barkin , un pastore tedesco che viene ucciso dal suo ex amico, Carface Carruthers, ma che lascia il suo posto in Paradiso per tornare sulla Terra, dove il suo migliore amico, Itchy Itchiford, vive ancora. I due si alleano con una giovane orfana di nome Anne-Marie, che insegna loro un’importante lezione sulla gentilezza, l’amicizia e l’amore.

Il film è una coproduzione irlandese, britannica e americana, prodotta dalla Goldcrest Films e Sullivan Bluth Studios Ireland Ltd . Nella giorno della sua prima uscita cinematografica, il film è in concorrenza diretta con il celebre film “La Sirenetta” della  Walt Disney Feature Animation. Sebbene non abbia ripetuto il successo al botteghino dei precedenti lungometraggi di Sullivan Bluth, Fievel sbarca in AmericaAlla ricerca della valle incantata , ha avuto un discreto successo in home video, diventando una delle uscite VHS più vendute di sempre.

La storia di Charlie – Anche i cani vanno in paradiso

Anne-Marie, Charlie e i cuccioli – Charle anche i cani vanno in Paradiso

Nel 1939 a New Orleans , il cane di strada pastore tedesco Charlie B. Barkin, ladro di professione e il suo migliore amico il bassotto Itchy Itchiford scappano dal canile e tornano al loro bisca clandestina sul bayou , precedentemente gestita dallo stesso Charlie e dal suo socio in affari, Carface Caruthers. Rifiutando di condividere i profitti con Charlie, Carface convince Charlie a lasciare la città con la metà dei guadagni del casinò.

Charlie va in Paradiso

Charle anche i cani vanno in Paradiso

Charlie è d’accordo, ma in seguito viene intossicato e ucciso da un’auto spinta in discesa da Carface e dal suo assistente, Killer. Charlie va in paradiso nonostante in vita, non abbia fatto delle buone azioni. Un angelo cane (di razza whippet), gli spiega che poiché i cani sono per loro natura buoni e leali, hanno tutti diritto al paradiso. Charlie imbroglia la morte rubandogli un orologio da tasca d’oro, che rappresenta la sua vita e la manda a ritroso. Mentre Charlie scende di nuovo sulla Terra, l’angelo whippet gli dice che non potrà mai più tornare in Paradiso e che quando l’orologio si sarà fermato di nuovo, sarà mandato all’Inferno. Tuttavia, finché l’orologio continua a funzionare, Charlie sarà immortale.

Charlie incontra Anne-Marie

Dopo che Charlie si riunisce con Itchy e trama vendetta sotto forma di un’attività criminale rivale, scoprono che Carface ha rapito una giovane bambina orfana di nome Anne-Marie, per la sua capacità di parlare con gli animali, cosa che si rivela vantaggiosa quando si scommette sulle gare. Charlie la salva e le promette di sfamare i poveri e di aiutarla a trovare una famiglia. Il giorno successivo in pista, Charlie ruba un portafoglio a una coppia, mentre parlano con Anne-Marie. Charlie e Itchy usano le loro vincite per costruire un casinò di successo nella discarica in cui vivono.

I contrasti fra Anne-Marie e Charlie

Anne-Marie e Charlie – Charle anche i cani vanno in Paradiso

Anne-Marie, rendendosi conto di essere stata usata, minaccia di andarsene. Per convincerla a restare, Charlie porta la pizza a una famiglia di poveri cuccioli e alla loro madre, Flo, nella vecchia chiesa abbandonata. Mentre è lì,  Anne-Marie si arrabbia con Charlie per aver rubato il portafoglio. Mentre Charlie ha un incubo in cui è condannato all’Inferno,  Anne-Marie restituisce il portafoglio alla coppia, Kate e Harold. Mentre discutono in privato dell’adozione di lei, Charlie arriva e la convince ad andarsene con lui. Charlie e Anne-Marie sfuggono per un pelo a un’imboscata di Carface e Killer e si nascondono in un edificio abbandonato, ma il pavimento si rompe e cadono nella tana di King Gator, un gigantesco alligatore effeminato . Questi è appassionato di musica come Charlie, pertanto li lascia andare, ma  Anne-Marie si ammala di polmonite .

Carface distruggono il casinò

Carface e i suoi teppisti distruggono il casinò di Charlie e attaccano Itchy, che ferito torna zoppicando in chiesa e affronta Charlie geloso per l’amicizia con Anne-Marie. Nella sua esasperazione, Charlie proclama ad alta voce che la sta usando e che alla fine la “scaricherà in un orfanotrofio”. Anne-Marie sente la conversazione e scappa via in lacrime prima di essere rapita da Carface. Charlie li segue al casinò di Carface, dove viene tesa un’imboscata da Carface e dai suoi teppisti nei suoi confronti. Ne scaturisce una battaglia con Charlie, dove viene appiccato inavvertitamente il fuoco con il petrolio, che in poco tempo avvolge l’intero palazzo. Gli ululati dolorosi di Charlie dai loro morsi evocano King Gator, che insegue e divora Carface. Nel caos, sia Anne-Marie che l’orologio cadono in acqua.

Charlie salva Anne-Marie

Incapace di salvare entrambi allo stesso tempo, Charlie salva Anne-Marie e la mette su un pezzo di legno galleggiante e la spinge verso la salvezza; tuttavia, l’orologio si ferma prima che possa raggiungerlo, ponendo fine alla sua vita, quindi Killer finisce di spingerla a riva, dove Kate e Harold stanno aspettando con la polizia e il personale medico. Qualche tempo dopo, Kate e Harold adottano Anne-Marie, che ha anche adottato Itchy. Charlie, dopo essersi sacrificato per salvare Anne-Marie, si è riconquistato il suo posto in paradiso e gli è permesso di tornare sotto forma di fantasma, per riconciliarsi con Anne-Marie. Lasciando Itchy alle sue cure, Charlie torna in paradiso, dove finalmente arriva Carface e prende il suo orologio, giurando vendetta contro King Gator. Mentre l’angelo whippet lo insegue e lo avverte di non usarlo, Charlie assicura al pubblico che “tornerà” prima di ammiccare e recuperare la sua aureola.

Charle anche i cani vanno in Paradiso

Uscita in DVD

Charlie – Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven) è stato pubblicato in DVD il 17 novembre 1998 e come edizione MGM Kids il 6 marzo 2001. Ha avuto un doppio lungometraggio su DVD con il suo sequel il 14 marzo 2006 e il 18 gennaio 2011. Il film è uscito in alta definizione per la prima volta in Blu-ray il 29 marzo 2011, senza caratteristiche speciali tranne il trailer cinematografico originale.

Dati tecnici

Titolo originale All Dogs Go to Heaven
Nazione Stati Uniti d’America, Irlanda, Regno Unito
Anno 1989
Durata 85 min
Genere animazione, commedia, drammatico, fantastico, musicale
Regia Don Bluth, Dan Kuenster, Gary Goldman
Soggetto Don Bluth, Ken Cromar, Gary Goldman, Larry Leker, Linda Miller, Monica Parker, John Pomeroy, Guy Shulman, David J. Steinberg, David N. Weiss
Sceneggiatura David N. Weiss
Produttore Don Bluth, Gary Goldman, John Pomeroy
Produttore esecutivo George Walker, Morris F. Sullivan
Casa di produzione Sullivan Bluth Studios, Goldcest Films
Montaggio John K. Carr, Lisa Dorney
Musiche Ralph Burns

Doppiatori originali e personaggi

Burt Reynolds: Charlie B. Barkin
Dom DeLuise: Itchy Itchiford
Daryl Gilley: acchiappacani
Candy Devine: Vera
Charles Nelson Reilly: Killer
Vic Tayback: Carface Caruthers
Melba Moore: Annabelle
Judith Barsi: Anne-Marie
Rob Fuller: Harold
Earleen Carey: Kate
Anna Manahan: Stella Dallas
Nigel Pegram: Sir Reginald
Loni Anderson: Flo
Ken Page: King Gator
Godfrey Quigley: terrier
Jay Stevens: mastino

Doppiatori italiani e personaggi

Pino Colizzi: Charlie B. Barkin
Giorgio Lopez: Itchy Itchiford
Glauco Onorato: Carface Caruthers
Rossella Izzo: Annabelle
Myriam Catania: Anne-Marie
Danilo De Girolamo: King Gator

La produzione

La prima idea per il film è stata concepita da Don Bluth, dopo aver terminato il lavoro su Brisby e il segreto di NIMH . Il film riguardava originariamente un investigatore privato canino e uno dei tre racconti che componevano un film antologico . Il personaggio di un pastore tedesco è stato progettato appositamente per Burt Reynolds. Tuttavia, il primo studio di Bluth , Don Bluth Productions , stava attraversando un periodo di difficoltà finanziarie, dovendo infine dichiarare bancarotta, e l’idea non è mai andata oltre gli storyboard approssimativi. Il concetto è stato ripreso da Bluth, John Pomeroy e Gary Goldman e riscritto da David N. Weiss, collaborando con i produttori da ottobre a dicembre 1987. Hanno costruito attorno al titolo Tutti i cani vanno in paradiso e hanno tratto ispirazione da film come È una vita meravigliosa , Little Miss Marker e A Guy Named Joe . Il titolo del film proveniva da un libro letto alla classe di quarta elementare di Bluth, e lui ha resistito ai suggerimenti per cambiarlo, affermando che gli piaceva quanto suonasse “provocatorio” e come le persone reagissero solo al titolo.

Durante la produzione del loro precedente lungometraggio, Sullivan Bluth Studios si erano trasferiti da Van Nuys, in California , a uno studio all’avanguardia a Dublino , in Irlanda, e il film è stato il primo a iniziare la produzione interamente presso lo studio irlandese. È stato anche il loro primo ad essere finanziato da fonti al di fuori di Hollywood, i due film precedenti, Fievel sbarca in America e Alla ricerca della valle incantata , erano stati supportati da Amblin Entertainment e Universal Pictures , e dai produttori esecutivi Steven Spielberg e George Lucas ha esercitato un certo controllo sul contenuto dei film, una situazione che Bluth ha trovato sgradevole. Lo studio ha trovato un investimento dalla Goldcrest Films, con sede nel Regno Unito, in un accordo da 70 milioni di dollari per la produzione di tre lungometraggi animati (sebbene solo due, Eddy e la banda del sole luminoso e esso, siano stati completati nell’ambito dell’accordo). I tre membri fondatori dello studio, Bluth, Pomeroy e Goldman, si erano tutti trasferiti in Irlanda per allestire la nuova struttura, ma durante la produzione del film, John Pomeroy tornò negli Stati Uniti per dirigere uno studio satellite che forniva alcune delle animazioni del film. Pomeroy ha anche usato la sua presenza negli Stati Uniti per generare la prima pubblicità per il film, inclusa una presentazione al Comic-Con di San Diego del 1987 .

Mentre la produzione si avvicinava al completamento, lo studio ha tenuto proiezioni di prova e ha deciso che alcune scene fossero troppo intense per gli spettatori più giovani. Lo scrittore e produttore Pomeroy ha deciso di accorciare l’incubo di Charlie di essere condannato . Anche il co-regista Gary Goldman ha accettato il taglio, riconoscendo che la concessione doveva essere fatta in nome del ricorso commerciale. Don Bluth possedeva una stampa privata in 35 mm del film con le scene tagliate e pianificava di convincere la Goldcrest Films a pubblicare una parte del film del regista, dopo il ritorno dall’Irlanda a metà degli anni ’90, ma la stampa alla fine fu rubata dal ripostiglio di Bluth chiuso a chiave, diminuendo la speranza che questa versione potesse essere pubblicata sui media domestici. 

La colonna sonora

La musica di Charlie – Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven nell’originale americano) è stata composta da Ralph Burns con testi di Charles Strouse , TJ Kuenster, Joel Hirschhorn e Al Kasha . Una colonna sonora ufficiale fu pubblicata il 1 luglio 1989 dalla Curb Records su audiocassetta e CD contenente 13 tracce, incluse sette canzoni vocali eseguite da vari membri del cast.  Il tema dei titoli di coda e la sigla del film “Love Survives” è stato dedicato alla doppiatrice di Anne-Marie Judith Barsi, che è stata uccisa da suo padre, József, insieme a sua madre, Maria, prima dell’uscita del film il 25 luglio 1988.

Il giudizio della critica

Charlie – Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven nell’originale americano) ha ricevuto per lo più recensioni contrastanti da parte della critica, mantenendo un punteggio di approvazione del 44% su Rotten Tomatoes basato su 17 recensioni,  e un punteggio di 50 su 100 da Metacritic . I revisori facevano spesso paragoni sfavorevoli con La Sirenetta , criticando la narrazione sconnessa, la qualità dell’animazione e le canzoni di Charlie Strouse e TJ Kuenster. Il film ha ricevuto un “pollice giù” da Gene Siskel e un “pollice su” da Roger Ebert in un episodio del 1989 del loro programma televisivo At the Movies. Mentre Siskel lo trovava “sorprendentemente debole” visti i lavori precedenti del regista Don Bluth, principalmente a causa della sua “storia confusa” e delle scene “inutilmente violente”, Ebert era un grande fan dell’animazione “gommosa e flessibile” del film, affermando che era un buon film nonostante non fosse un “classico dell’animazione”.

Alcuni hanno anche trovato il materiale del soggetto più oscuro discutibile in un film per famiglie, date le raffigurazioni del film di morte, violenza, furto, alcolismo, fumo, gioco d’azzardo, omicidio, demoni e immagini dell’inferno . Altre recensioni sono state per lo più positive, con i critici che hanno elogiato le qualità emotive, l’umorismo e la vibrante tavolozza dei colori del film. Roger Ebert, che non era rimasto impressionato dal precedente film di Bluth Fievel sbarca in America , gli ha dato tre stelle su quattro, sottolineando che l’animazione “consente un uso così voluttuoso del colore che il film è un bagno corroborante per gli occhi “e anche se preferiva La Sirenetta, che è uscito lo stesso giorno, ha ancora trovato Charlie “brillante e originale”. Tuttavia, il critico cinematografico Leonard Maltin gli ha assegnato una stella e mezzo su quattro, a causa di “personaggi poco attraenti, narrazione confusa e canzoni dimenticabili”. Common Sense Media è preoccupato per le raffigurazioni dell’uso illegale di droghe e per gli elementi tematici eccessivi, che vengono tramati in un film per famiglie.

Quanto ha guadagnato Charlie, anche i cani vanno in paradiso

Insoddisfatto dei termini imposti dagli Universal Studios , che avevano distribuito i loro due film precedenti, lo studio ha trovato un distributore alternativo in United Artists . Un po ‘insolitamente, gli investitori della produzione Goldcrest Films hanno coperto il costo delle stampe e della campagna promozionale, in cambio di una commissione di distribuzione notevolmente ridotta da UA. Questo era simile all’accordo con la United Artists quando distribuirono il primo lungometraggio di Bluth, Brisby e il segreto di NIMH . Goldcrest Films ha investito 15 milioni di dollari nella stampa e nella promozione del film. A causa di problemi contrattuali, l’uscita nelle sale del film è stata accompagnata da pochissimi articoli e gadget;  un adattamento di un gioco per computer Fu pubblicato per il sistema Commodore Amiga (con un pacchetto software gratuito) e la catena di ristoranti Wendy offrì giocattoli di Charlie, insieme ai loro pasti per bambini o patatine fritte regolari. 

Il film è uscito in Nord America il 17 novembre 1989, lo stesso giorno del 28esimo film d’animazione Disney La Sirenetta ; ancora una volta, l’ultimo lungometraggio di Sullivan Bluth Studios sarebbe in lizza per incassi al botteghino con quello della Disney, proprio come i loro ultimi due film ( Fievel sbarca in AmericaAlla ricerca della valle incantata  ). Al momento della sua uscita nelle sale, pur mantenendo il budget di 13,8 milioni di dollari, la performance del film è stata inferiore ai precedenti successi al botteghino di Sullivan Bluth Studios, incassando 27 milioni di dollari nel solo Nord America, poco più della metà di quanto hanno incassato  Fievel sbarca in AmericaAlla ricerca della valle incantata .

Premi e riconoscimenti.

Charlie – Anche i cani vanno in paradiso (All Dogs Go to Heaven) ha ricevuto una nomination per “Miglior film per famiglie: avventura o cartone animato” all’undicesima cerimonia annuale dei Youth in Film Awards , essendo stato battuto da La Sirenetta della Disney . L’uscita home video ha ricevuto un Award of Excellence dal Film Advisory Board . 

Print Friendly, PDF & Email