Campo di Girasoli: il cortometraggio animato che racconta la realtà dell’Ucraina

Campo di Girasoli: il cortometraggio animato che racconta la realtà dell’Ucraina



Benvenuti alla serie di approfondimenti di Cartoon Brew dedicata ai cortometraggi animati che si sono qualificati per gli Oscar del 2024. Esistono diversi modi per ottenere l’ID di qualificazione e, con questi profili, ci concentreremo sui film che lo hanno ottenuto vincendo un premio di qualifica Oscar in un festival di qualifica Oscar.

Il cortometraggio di oggi è “Sunflower Field” del regista Polina Buchak e dell’animatrice Mulan Fu. Il film ha ottenuto la sua qualificazione agli Oscar vincendo il miglior cortometraggio animato al Woodstock Film Festival.

Mentre la guerra infuria in Ucraina, una giovane ragazza attende una chiamata da suo padre. Mentre il tempo passa, si addormenta attraverso diversi paesaggi onirici, cercando di trovare la strada per casa.

Cartoon Brew: Che tipo di ricerca è stata necessaria per preparare questo film? Quali risorse hai usato per influenzare il modo in cui hai affrontato un argomento sensibile come la psicologia infantile?

Polina Buchak: L’idea per “Sunflower Field” mi è venuta in mente perché ho avuto un incubo. Ero di nuovo a casa a Kyiv, e la mia famiglia parlava di una guerra ipotetica, e semplicemente non riuscivo a capire di cosa stessero parlando. Il tema della guerra non era nuovo, perché gli ucraini difendono la nostra indipendenza dall’occupazione russa dal 2014. Quindi la tensione del “E se?” è entrata nelle nostre vite da quasi 10 anni. A gennaio 2022, io e la mia famiglia abbiamo fatto colazione, durante la quale mia madre ha ricevuto una notifica dal nostro condominio su dove gli abitanti potevano trovare i rifugi più vicini. È stato allora che ho sentito la paura tutto intorno a me. Ho pensato immediatamente ai bambini – perché anche se sono molto più emotivamente in sintonia con il mondo di quanto gli diamo credito, non riuscivo a capire come spiegare loro e proteggerli da questa paura.

Quando ero ancora in Ucraina, tendevamo tutti a riunirci con gli amici e cercare di dare un senso alle cose. Ho osservato i figli dei nostri amici e ho osservato la loro interazione con i loro genitori. Dopo il 24 febbraio, ho dovuto adattare la mia sceneggiatura da una storia del “E se?” a un pezzo che riflette la realtà dell’Ucraina durante l’invasione a pieno titolo. Da allora, ho lavorato con vari enti di beneficenza e ho parlato con professionisti che lavorano nella terapia infantile che hanno condiviso le loro competenze e storie di alcuni bambini con casi difficili. Mi sono resa conto che stiamo assistendo a un’altra generazione di ucraini essere traumatizzata mentre lottiamo per un futuro indipendente per loro. Vedere luoghi dove sono cresciuta essere livellati a terra ha anche scatenato sentimenti derivanti dal mio bambino interiore, quindi usando tutti questi pezzi, ho messo insieme la storia di una piccola eroina che, nonostante le sfide, trova ancora il suo cammino verso casa.

Cosa c’era in questa storia o concetto che ti ha collegato e ti ha spinto a dirigere il film?

Buchak: Ho sempre reagito agli affari mondiali attraverso la mia arte, quella è la nave che so usare per attirare l’attenzione emotiva delle persone. E quando la tua casa è in fiamme, semplicemente non puoi permetterti di tacere. Una delle cose più difficili per me è stata rendersi conto che mio cugino di 16 anni è stato costretto a imparare cos’era la guerra prima di poter diplomarsi alle superiori – un periodo in cui un bambino dovrebbe sognare e sperimentare il primo amore. La mia paura interna mi ha spinto a scrivere “Sunflower Field” perché ho dovuto riportare l’attenzione sui bambini. Guardare le persone parlare di quanto i bambini ci abbiano insegnato coraggio e resilienza sacrificando la loro infanzia per noi è estenuante. Il fatto che siano, ancora oggi, vittime della violenza di cui gli esseri umani sono capaci significa che stiamo ancora fallendo nel proteggerli.

Cosa hai imparato dall’esperienza di realizzare questo film, a livello di produzione, regia, creatività o dell’argomento trattato?

Mulan Fu: Questo cortometraggio significa molto per entrambi. Abbiamo lavorato ad esso da remoto con un fuso orario di 12 ore tra noi, con il caos che covava in mezzo alla pandemia e alla guerra. Ciò che è successo intorno a noi in due parti del globo drasticamente diverse ha rafforzato la nostra motivazione a catturare un pezzo di mondo in quel momento attraverso questo corto. Veniamo da culture molto diverse, ma lavorare insieme su questo cortometraggio ci ha mostrato quanta universalità emotiva un mezzo creativo come l’animazione potesse evocare. Per quanto riguarda la regia, Polina proveniva da un background di live-action e io sto portando l’aspetto dell’animazione nella sua visione. È stata un’ottima esperienza di apprendimento per entrambi, unendo le nostre abilità e prospettive per dare vita a una visione.

Buchak: Echi la voce di Mulan. Ci conosciamo dai tempi del nostro primo anno di NYU alla scuola di cinema. Mi ha visto scrivere numerosi copioni su ciò che sta succedendo a casa, e sono molto familiare con il suo stile di animazione – lavorare con paesaggi onirici e misticismo. Quindi, eravamo partner perfetti per questo.

Puoi descrivere come hai sviluppato il tuo approccio visivo al film? Perché hai scelto questo stile/tecnica?

Buchak: Volevo mostrare visivamente la progressione di un incubo e come il nostro personaggio si allontana da scena a scena. Iniziamo con pennellate più lisce che mostrano la realtà della ragazza. Appena sta sognando, le forme si fanno più nitide, e la colorazione degli oggetti è più brusca. Includere il ricamo era cruciale perché volevo rappresentare l’Ucraina sia visivamente che auditivamente. Collaborare con lo stile di animazione di Mulan è ciò che ha portato l’universalità all’aspetto.

Fu: Sono grata che Polina mi abbia avvicinata per collaborare a questo corto con il mio stile visivo in mente come parte della sua visione. Abbiamo strutturato l’approccio visivo in generale intorno al mio stile di progettazione e animazione dei personaggi. Ci sono molti simboli visivi importanti nella storia che contengono connotazioni culturali (come i ricami), quindi abbiamo sperimentato con varie texture per comunicare i simboli all’interno della storia, generando pennelli personalizzati e applicando motivi tessili per servire la narrazione visiva.

Condividi questo articolo
Etichette: animation, Cartoon Brew, Mulan Fu, Polina Buchak, Sunflower Field, Woodstock Film Festival

Pubblicato in Eventi, Interviste



Fonte: www.cartoonbrew.com

Lascia un commento